Home » Ambiente » Creati da un batterio composti di silicio e carbonio

Creati da un batterio composti di silicio e carbonio

escherichiaUn batterio in grado di produrre composti di silicio e carbonio fin ora realizzati solo chimicamente e utilizzati nei settori più disparati, dal farmaceutico all’elettronica. Descritto su Science, il batterio è stato ottenuto dal gruppo coordinato da Frances Arnold, del California Institute of Technology (Caltech).

La scoperta ha moltissime applicazioni perché composti di silicio e carbonio sono presenti in molti farmaci, ma anche in tantissimi altri prodotti, comprese vernici, semiconduttori e schermi di computer e di Tv. Attualmente, queste molecole sono prodotte dall’industria chimica. Produrle in modo naturale significa aver trovato un’alternativa più rispettosa dell’ambiente e potenzialmente meno costosa. Il processo industriale infatti utilizza metalli preziosi e solventi tossici e produce anche sottoprodotti indesiderati. Il batterio invece produce queste molecole senza sottoprodotti tossici, a temperatura ambiente ed in acqua, basta solo nutrirlo con cibi che contengono i mattoni di questi elementi.

I ricercatori sono partiti da un batterio che vive nelle sorgenti di acqua calda in Islanda, chiamato Rhodothermus marinus, che ha una proteina che normalmente trasporta gli
elettroni ad altre proteine, e di tanto in tanto produce anche molecole di silicio e carbonio. Ma, invece di utilizzare direttamente questo batterio, i ricercatori hanno individuato nel suo Dna il gene che produce la proteina e lo hanno inserito nel Dna di un altro batterio, l’Escherichia coli. Tuttavia il batterio modificato geneticamente non si è rivelato molto efficiente nella produzione del composto si silicio e carbonio.

Così i ricercatori hanno modificato anche la proteina per farla diventare più efficace e hanno selezionato i batteri che hanno mostrato un miglioramento. Poche generazioni sono state sufficienti per migliorare i rendimenti, battendo quelli dei catalizzatori artificiali usati dall’industria per produrre il composto.

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento


*