Home » Medicina » Bambini: se vedono video di coetanei che mangiano verdura, li imitano

Bambini: se vedono video di coetanei che mangiano verdura, li imitano

bambini e verduraGuardare filmati di bambini che mangiano la verdura potrebbe incoraggiare i più piccoli a seguire l’esempio, suggerisce un nuovo studio. Secondo la ricerca pubblicata sul ‘Journal of Nutrition Education and Behavior’, i bimbi in età prescolare che hanno visto brevi video di bambini alle prese con peperoni, dopo hanno mangiato più verdura anche loro. Gli scienziati hanno anche presentato i loro risultati questo mese al meeting annuale della Society of Behavioral Medicine di Washington. La differenza nel consumo tuttavia non è stata immediata: una settimana dopo aver visto il video, i bimbi hanno mangiato circa 16 grammi di peperoni. Chi non aveva visto il video ne ha mangiati solo 6 grammi. “Il segmento di dvd che abbiamo preparato dura 7.5 minuti e, dopo appena un’esposizione, i piccoli in età prescolare hanno aumentato il consumo di verdura dopo una settimana. Quindi una breve esposizione tra la programmazione televisiva dedicata ai bambini, o durante un periodo di transizione all’asilo, prima della merenda o del pranzo, potrebbe influenzare i bimbi a compiere scelte alimentari più sane”, sostiene Amanda Staiano del Biomedical Reasearch Center di Baton Rouge in Louisiana, che ha condotto la ricerca.

Lo studio
Il team di Staiano ha assegnato in modo casuale 42 bimbi tra i 3 e i 5 anni alla visione di un filmato di bambini che mangiano peperoni, a quella di un video sul lavaggio dei denti, oppure a nessuno dei due. Il giorno dopo, quelli che avevano visto il primo video hanno in realtà mangiato meno peperoni degli altri. Ma una settimana dopo, considerando la quantità di peperone che ogni bambino ha mangiato il primo giorno, il consumo del gruppo che ha guardato il video vegetariano era superiore e la differenza era statisticamente significativa, hanno rilevato i ricercatori. “Questo indica che i bimbi hanno conservato l’esperienza positiva della visione di pari che mangiano verdura e sono stati in grado di riprodurre l’azione una settimana dopo”, osserva Staiano.

L’obesità infantile è più che raddoppiata negli ultimi 30 anni, secondo i Cdc (Centers for Disease Control and Prevention) americani. E proprio una delle raccomandazioni dei Cdc per combatterne l’aumento è mangiare più porzioni di verdura.I bambini nel video potrebbero servire da ambasciatori di un’alimentazione sana. “I piccoli sono stati positivamente influenzati dai loro pari grazie all’esempio di comportamenti salutari – afferma Amy Yaroch, direttore esecutivo del Gretchen Swanson Center for Nutrition di Omaha, in Nebraska, che non è stata coinvolta nel lavoro – Sappiamo dalla teoria del comportamento che il role modeling è una strategia efficace per spingere le persone (inclusi i bambini) a adottare comportamenti salutari. Di solito sono i genitori a fare da modello, ma anche i pari possono avere una forte influenza, specialmente se sono percepiti come ‘cool’ da chi guarda”.

Straiano e colleghi hanno ancora diverse questioni su cui vorrebbero indagare, incluso come aumentare l’effetto e se l’esposizione ripetuta al video possa convincere un bimbo a scegliere una verdura piuttosto che un dolce.
“Comprendere i modi per trasformare il tempo davanti a uno schermo in tempo dedicato alla salute è fondamentale per i nostri figli, che si prevede avranno una vita più corta dei genitori a causa delle malattie legate all’obesità”, conclude Staiano.

Fonte: Journal of Nutrition Education and Behavior 2016

Rob Goodier

(Versione italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento

*