Home » i-Tech » Bambini e nuovi media: il buono, il cattivo e l’ignoto

Bambini e nuovi media: il buono, il cattivo e l’ignoto

Bimba Ipad

I media elettronici mobili sono ovunque ed i bambini ne fanno spesso uso molto precocemente, ma l’impatto di questi apparecchi sullo sviluppo e sul comportamento dei bambini è ancora relativamente ignoto. Benché diversi studi abbiano riscontrato che i bambini al di sotto dei 30 mesi di età non possano imparare da TV e video altrettanto bene quanto potrebbero farlo da interazioni reali, gli studi che hanno verificato la validità di questo principio con le applicazioni interattive sono molti di meno.

Alcune ricerche preliminari suggeriscono che i media interattivi, come libri elettronici ed applicazioni per imparare a leggere, possono risultare utili nell’insegnamento del vocabolario e della comprensione della lettura, ma solo nei bambini dall’età prescolare in avanti. I potenziali benefici educativi per i bambini sotto i due anni sono stati messi in dubbio, in quanto la ricerca sui media interattivi in questa fascia d’età è frammentaria, ed è ben noto che neonati e lattanti apprendono meglio tramite esperienze manuali e faccia a faccia. L’impiego di questi apparecchi per distrarre il bambino potrebbe di fatto essere dannoso per il suo sviluppo socio-emotivo, in quanto potrebbero impedire il corretto sviluppo di meccanismi interni di autoregolazione.

Non è inoltre noto se essi, durante la prima infanzia, possano ostacolare lo sviluppo dell’empatia e delle skill sociali e di risoluzione dei problemi che tipicamente si ottengono tramite esplorazione, gioco non strutturato ed interazione con i propri pari. Benché rimanga molto da scoprire, i ricercatori incoraggiano i genitori a provare in prima persona ogni applicazione prima di consentire al bambino di accedervi e di farne uso insieme a loro in quanto la fruizione congiunta di media interattivi ne potenzia la valenza educativa. (PEDIATRICS, 2014; 135: 1)

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento

*