Home » Gadget » Bambine Usa: esplode la moda della bambola che cura il diabete

Bambine Usa: esplode la moda della bambola che cura il diabete

bambinaIl giocattolo più amato dalle bambine americane? Una bambola con il kit per curare il diabete. A produrla è l’American Girl, il nuovo brand che spopola tra le più piccole. Tutto ha avuto inizio quando l’azienda ha accolto la petizione di una 13enne del Wisconsin affetta da diabete di tipo 1, Anja Busse, e ha iniziato la produzione. In poco tempo il giocattolo (in vendita per 24 dollari, circa 21 euro) è diventato talmente popolare che trovarlo sugli scaffali è difficilissimo.

Imparare giocando
Il kit comprende tutto l’occorrente per monitorare i livelli di zucchero nel sangue e fare le iniezioni di insulina, ma anche carta d’identità, pastiglie e scheda medica. Così Anja usa la bambola non solo per giocare, ma anche per educare gli amichetti su cosa sia il diabete di tipo 1. “Ci sono tante cose che le persone non capiscono”, ha spiegato al New York Times. Molti infatti confondono il diabete di tipo 1 con quello di tipo 2: il primo si sviluppa quando il sistema immunitario distrugge le cellule che producono l’insulina, è genetico e non si può prevenire. Quello di tipo 2 invece, il più diffuso, si sviluppa quando il corpo non utilizza correttamente l’insulina, è strettamente legato all’eccesso di peso e all’inattività fisica.

Tanti clienti hanno inviato recensioni entusiaste riguardo la nuova bambola sul sito dell’American Girl. L’azienda, come ha spiegato la portavoce Stephanie Spanos, “ha una lunga storia nel creare giochi che stimolano l’inclusione, e non è una novità per noi produrre una bambola che sia il riflesso delle bambine di oggi”. Tra i prodotti di American Girl, per esempio, ci sono tutte le tonalità del colore di pelle, occhi e capelli, ma anche bambole calve che fanno la chemioterapia. E c’è una linea storica che comprende figure ispaniche, afroamericane, ebree e native americane.

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento

*