Home » Medicina » Baby boom francese: il segreto sono i sussidi e la parità dei sessi

Baby boom francese: il segreto sono i sussidi e la parità dei sessi

famigliaAiuti economici, parità di diritti tra uomo e donna e servizi sociali. Questo il mix magico che ha dato alla Francia il più alto tasso di fertilità in Europa, tanto da guadagnare visite di politici e studiosi interessati a individuare esempi da esportare per promuovere la fertilità. Dopo due decenni di declino, nel 1970-80, il tasso di fertilità del Paese d’Oltralpe ha infatti iniziato a salire costantemente a partire dal 1990. Da allora ha registrato cifre ben superiori alla media del vecchio continente, superando i 2 figli per donna.

Il fenomeno
L’approccio adottato da Parigi, combina il concetto di una famiglia moderna basata sulla parità tra uomo e donna e forti politiche di welfare. Ricetta tutt’altro che facile da mettere in pratica e basata su un modello di famiglia con parità di diritti e doveri tra uomo e donna. Tanto per i papà che per le mamme, ad esempio, è possibile chiedere sei mesi di congedo parentale per ogni nuovo venuto.

L’Eliseo ha inoltre creato un sistema di assegni familiari che non discriminano i genitori sposati da quelli conviventi. Per ogni nuovo nato il premio è di circa 900 euro che arrivano già al settimo mese di gravidanza. I trasferimenti monetari alle famiglie rappresentano il 2,6% del Pil, anche grazie a questo, nel 2014, il rischio di povertà infantile (21,6%) è stato inferiore alla media EU28 (27,7%). Le donne inoltre, come si riporta su European Platform for Investing in Children dell’UE, sono incentivate a non lasciare il lavoro per occuparsi dei figli e il tasso di occupazione femminile tra le francesi è superiore al 60% (in Italia è circa il 46%).

I bimbi hanno accesso agli asili nido sin da quando hanno solo due mesi. Una scelta a cui le francesi ricorrono spesso, tanto che 4 bimbi su dieci sotto i due anni viene affidato a qualche servizio per l’infanzia (in Italia, secondo il rapporto della Commissione Europea Eurydice ha accesso al nido solo un bimbo su 10) e 9 su dieci di quelli tra 3 e 6 frequenta la scuola materna. Non mancano infine gli aiuti alle puerpere, con infermiere che visitano la neomamma a domicilio per aiutarla nell’allattamento e nelle prime cure del neonato.

Tag

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento


*