Home » Medicina » Aviaria: scoperto nuovo ceppo potenzialmente pandemico

Aviaria: scoperto nuovo ceppo potenzialmente pandemico

(Reuters Health) – Un nuovo ceppo del virus di influenza aviaria H7N9, scoperto in Cina, sarebbe in grado di passare facilmente dagli animali all’uomo, potenzialmente innescando una pandemia. È quanto ha evidenziato un gruppo di ricercatori americani e giapponesi, guidato da Yoshihiro Kawaoka, dell’Università del Wisconsin, che hanno pubblicato i risultati su Cell Host & Microbe. Il virus H7N9 è in circolazione in Cina dal 2013 e ha causato gravi malattie in persone entrate a contatto con pollame infetto. L’anno scorso, però, il virus sarebbe mutato, diventano resistente ai vaccini esistenti. E uno dei due ceppi derivanti sarebbe diventato altamente patogenico, acquisendo la capacità di uccidere il pollame infetto.

Lo studio sul nuovo ceppo
Kawaoka e colleghi hanno studiato un campione di questo nuovo ceppo, per valutare la sua capacità di diffondersi ai mammiferi. In particolare, i ricercatori hanno testato una versione di H7N9 prelevato da una persona morta a causa dell’infezione, la scorsa primavera. Hanno così scoperto che il virus si replica in modo efficiente nei modelli animali di mammifero e avrebbe causato malattie ancora più gravi rispetto alla versione a bassa patogenicità dello stesso virus, che non causa malattie negli uccelli. Per testarne la trasmissibilità, il team ha messo vicini animali infetti e sani, scoprendo così che il virus passa facilmente da gabbia a gabbia e suggerendo che può essere trasmesso da goccioline prodotte con tosse o starnuti. Due animali su tre infettati dal virus, inoltre, sarebbero morti a causa dell’infezione, facendo ipotizzare ai ricercatori che anche una piccola quantità di virus può causare malattie gravi.Dal 2013, l’influenza aviaria ha colpito 1.562 persone in Cina, uccidendone almeno 612. Solo nell’ultima stagione influenzale si sarebbero manifestati 764 casi, quasi la metà di quelli totali registrati finora.

Fonte: Cell Host &Microbe
Julie Steenhuysen
(Versione italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento

*