Home » Medicina » Autolesionismo per 2 ragazze su 10. Età di esordio in calo

Autolesionismo per 2 ragazze su 10. Età di esordio in calo

autolesionismoFarsi del male per attirare l’attenzione. Non c’è infatti il desiderio del suicidio dietro agli atti di autolesionismo che 2 ragazze su 10 hanno sperimentato almeno una volta. Spesso si tagliano gli avambracci usando oggetti più disparati, dalle classiche lamette o coltellini fino ai temperini. A fare il punto, un convegno ospitato presso il Policlinico Umberto I di Roma, nell’ambito delle iniziative previste per la Giornata della Salute Mentale Femminile.

Al femminile
“Fenomeno più urbano e più femminile, l’autolesionismo – spiega Mauro Ferrara, neuropsichiatra infantile e ricercatore presso l’Università La Sapienza di Roma – riguarda tutto il mondo occidentale con un trend in incremento negli ultimi 20 anni. Nell’adulto è legato a situazioni particolari di disagio, nei giovani invece è molto trasversale e frequente in tutti i contesti sociali, nelle periferie come nei quartieri bene”. A seconda della frequenza e dell’entità, dal 13 al 36% delle adolescenti e circa il 5-10% degli adolescenti sperimentano almeno un atto di autolesionismo, ovvero si fanno male pur senza volersi uccidere.

L’età
Rispetto all’età di esordio c’è un anticipo: “vedevamo – sottolinea l’esperto – una forbice tra 14 e 17 anni, ora siamo scesi intorno a 12-15 anni. Normalmente il problema, come del resto nei tentativi di suicidio, è femminile nel 90% dei casi. Ma da questo punto di vista negli ultimi anni osserviamo un aumento della percentuale maschile, spesso collegata a una problematica relativa all’identità di genere”.

Perché
Le lesioni sono in genere sugli avambracci, “luoghi non troppo nascosti, che mettono in evidenza l’ambiguità del messaggio che vogliono lanciare: lasciami stare ma aiutami”. Il fenomeno, prosegue Ferrara, “viaggia attraverso il web, non solo nei social ma anche nei forum dedicati, che spesso alimentano una ambiguità di fondo e non è chiaro se forniscano più aiuto o auto esposizione”. La vera sfida, conclude, è capire per quali persone il disagio rischia di portare, nel tempo, al suicidio”.

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento

*