Home » i-Tech » Autolesionismo digitale: il nuovo pericolo del web

Autolesionismo digitale: il nuovo pericolo del web

Adolescenti sempre più cupi. L’autolesionismo passa la barriera nel mondo reale e approda a quello del web. E’ infatti l’autolesionismo digitale il nuovo fenomeno che caratterizza la generazione dei giovani di oggi. A lanciare l’allarme è uno studio pubblicato sul Journal of Adolescent Health e condotto da esperti dell’Università del Wisconsin.

Lo studio
Uno su 20 di 5.593 giovani di 12-17 anni intervistati ha ammesso di aver postato commenti negativi su di sé online, o altri dati pericolosi. Il fenomeno sembrerebbe riguardare soprattutto i maschi e le motivazioni addotte dai diretti interessati sono le più varie, dal vedere la reazione di amici e genitori a odio per sé stessi.

Tanti studi sono stati condotti finora sul cyber-bullismo, mentre un fenomeno meno noto è appunto quello dell’autolesionismo digitale in cui la persona scrive – ad esempio nascondendosi dietro l’anonimato – minacce, commenti crudeli rivolti contro di sé, domande e risposte che contengono informazioni intime e pericolose sulla propria persona, oppure ancora posta foto troppo personali.

Gli esperti hanno visto che nella loro casistica il fenomeno è piuttosto diffuso, riguardando un giovane su 20, soprattutto maschi. Le motivazioni indicate sono varie, dal bisogno di ottenere attenzione a disagio e disturbi depressivi, fino anche a odio per sé stessi. Servono nuovi studi, suggerisce l’autore del lavoro Justin Patchin, per vedere se l’autolesionismo digitale possa corrispondere a tendenza ad assumere comportamenti autolesionisti nella vita reale ed anche al rischio di avere idee suicide.

 

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento

*