Home » Medicina » Autismo: nella vita fetale rischio aumentato con esposizione a metalli

Autismo: nella vita fetale rischio aumentato con esposizione a metalli

(Reuters Health) – L’esposizione ad alcuni metalli, come il piombo, o il mancato assorbimento di alcuni nutrienti essenziali, come lo zinco, durante la vita fetale o nella prima infanzia, potrebbero influenzare il rischio di soffrire di disturbi dello spettro autistico (ASD – Autistic Spectrum Disorder). È quanto ipotizza una ricerca coordinata da Manish Arora della Icahn School of Medicine at Mount Sinai di New York. Lo studio è stato pubblicato su Nature Communication.

Lo studio
Partendo dal fatto che ogni settimana si forma un nuovo strato a livello dei denti, sia durante lo sviluppo fetale che nell’infanzia, e che questo strato registra le esposizioni a vari prodotti chimici, Arora e colleghi hanno analizzato i denti di 16 coppie di gemelli svedesi, di cui almeno uno dei due aveva avuto una diagnosi di disturbi dello spettro autistico quando aveva circa 18 anni. Per confronto, i ricercatori americani hanno anche analizzato i denti di 22 coppie di gemelli che avevano invece avuto uno sviluppo normale. Il team di ricerca ha trovato differenze significative per quel che riguardava l’assunzione di metalli tra i gemelli con ASD e i loro fratelli sani. Per esempio, nell’ultima fase della gravidanza e nei primi mesi dopo la nascita, i denti dei bambini che sviluppavano ASD mostravano una maggiore assunzione di piombo e un minore assorbimento di nutrienti essenziali come manganese e zinco. Inoltre, secondo i ricercatori, tre mesi dopo la nascita la determinazione della quantità di metalli tossici nei denti potrebbe prevedere la gravità dell’ASD a 8-10 anni.

Le conclusioni
In realtà, Arora e colleghi non sono riusciti a stabilire se sono le differenze nelle quantità dei metalli tossici o delle sostanze nutritive a determinare l’ASD o le differenze su come i bambini assorbono e trasformano queste sostanze. Inoltre, i ricercatori americani non sono stati in grado di spiegare se l’alterazione dell’assorbimento di queste sostanze in determinate fasi dello sviluppo sia una causa o un effetto dell’autismo. “Gran parte delle ricerche si sono focalizzate su aspetti genetici che non si possono cambiare – dice Arora -Il nostro studio è un passo importante verso la comprensione di fattori di rischio modificabili come l’esposizione a inquinanti ambientali e le carenza alimentari, e i periodi più sensibili durante i quali l’esposizione può essere dannosa. Tuttavia è troppo presto per fare raccomandazioni cliniche”. “I nostri geni e i geni dei nostri bambini sono vulnerabili a seconda del nostro stile di vita” aggiungeHealth Eric Butter, del Child Development Center and Pediatric Psychology/Neuropsychology at Nationwide Children’s Hospital di Columbus, in Ohio. “Questo studio può aiutare a capire la complicata relazione che intercorre tra geni, metalli tossici e nutrienti e come questo potrebbe influenzare il cervello dei bambini”, conclude l’esperto, che non era coinvolto nello studio.

Fonte: Nature Communication

Marilynn Larkin

(Versione italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)

 

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento

*