Home » Medicina » Asma: uomini più protetti delle donne

Asma: uomini più protetti delle donne

Tutto ruota intorno al testosterone. Secondo un nuovo studio, questo ormone potrebbe fornire una maggiore protezione dall’asma; in parole povere, le donne sarebbero più soggette a sviluppare questa patologia. Il testosterone infatti si è visto essere in grado di sopprimere un tipo di cellule immunitarie che portano proprio allo sviluppo di asma di tipo allergico. A evidenziarlo è una ricerca francese e australiana, guidata dal Walter and Eliza Hall Institute e dal Centre de Physiopathologie de Toulouse Purpan, pubblicata sul Journal of Experimental Medicine.

Lo studio
Prendendo in considerazione il fatto che due milioni e mezzo di australiani soffrono di asma e che nella città di Melbourne, nel 2016, vi è stata una vera e propria ‘tempesta di asma’, che ha portato circa 10mila persone a rivolgersi agli ospedali nell’arco di due soli giorni, gli studiosi hanno voluto approfondire la differenza nell’incidenza di questa malattia tra uomini e donne utilizzando un modello animale.

“La nostra ricerca mostra che alti livelli di testosterone nei maschi proteggono contro lo sviluppo di asma allergica. Abbiamo identificato che il testosterone è un potente inibitore delle cellule linfoidi innate (o ILC2), nuove cellule immunitarie associate allo sviluppo di asma”, spiega Cyril Seillet, uno degli autori.

Queste cellule producono proteine infiammatorie in risposta a polline, acari della polvere, fumo di sigaretta e pelo degli animali di compagnia. “Il testosterone agisce direttamente inibendo la loro proliferazione – prosegue Seillet – quindi, nei maschi, vi sono meno di queste cellule nei polmoni e ciò è direttamente correlato anche a una ridotta severità dell’asma”. Questa scoperta potrebbe portare secondo gli studiosi a trattamenti sempre più ‘a bersaglio’ per l’asma.

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento

*