Home » Medicina » Asma allergico: la chiave di un possibile trattamento nel gusto amaro

Asma allergico: la chiave di un possibile trattamento nel gusto amaro

Una nuova possibilità di trattamento per l’asma dovuta ad allergia potrebbe risiedere nel gusto amaro e precisamente nella stimolazione dei recettori del gusto amaro appunto. Ad ipotizzare questa singolare possibilità è uno studio pubblicato su Nature Scientific Reports.

Lo studio
L’asma colpisce almeno 300 milioni di persone al mondo ed è caratterizzata da infiammazione delle vie aeree, secrezione di muco e irritabilità delle mucose. Recenti ricerche hanno individuato recettori del gusto amaro (bitter taste receptors, o TAS2R) non solo sulla lingua, ma anche in tessuti che non hanno nulla a che fare con il gusto, come i polmoni, dove sono associati a una funzione di tipo difensivo e dove, se stimolati, provocano broncodilatazione, distendendo le vie aree.

A partire da qui, un team di ricerca dell’Istituto di Ricerca Medica di Woolcock, in Australia, ha indotto nei topi asma allergico. Quindi ha somministrato loro, per via intranasale o aerosol, clorochina e chinina, due sostanze che stimolano i recettori del gusto amaro, utilizzate come farmaci anti-malaria ma anche come aromi per l’acqua tonica.

Hanno così verificato che questi composti riescono a non solo a ridurre i sintomi della malattia, ma anche ad impedire l’infiammazione allergica e le modifiche strutturali alle vie aeree tipiche nei soggetti con asma. “La nostra ricerca è cruciale per identificare nuove classi di farmaci che possono essere un’opzione efficace per il trattamento dell’asma in futuro”, commenta Pawan Sharma, che ha guidato lo studio.

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento

*