Home » Medicina » Artrite Reumatoide: successo terapia con farmaci biologici legato a stato della malattia

Artrite Reumatoide: successo terapia con farmaci biologici legato a stato della malattia

(Reuters Health) – Secondo una nuova analisi dei dati del registro nazionale degli Stati Uniti, dopo l’inizio di una terapia con farmaco biologico, per l’artrite reumatoide, i pazienti con una maggiore attività della malattia al basale possono raggiungere risultati migliori rispetto a quelli con una forma meno attiva, ma hanno meno probabilità di raggiungere la remissione o una bassa attività della malattia. Negli studi clinici, generalmente, l’attività dell’artrite reumatoide al basale è correlata con l’attività della malattia dopo l’inizio dei farmaci antireumatici modificanti la malattia (DMARD), ma secondo Arthur Kavanaugh e colleghi, dell’Università della California di San Die, gli studi sui pazienti che iniziano il trattamento a diversi livelli di attività della malattia sono ancora scarsi.

Lo studio
Per approfondire  la questione i ricercatori hanno esaminato i dati del registro nazionale su pazienti con malattia di attività moderata (con punteggio Clinical Disease Activity Index – CDAI compreso tra 10 e 22) o grave (CDAI superiore a 22). Erano disponibili i dati relativi ad almeno un anno di follow-up su 1.596 pazienti e 1.269 avevano almeno due anni di follow-up. Ogni gruppo conteneva una quantità più o meno uguale di pazienti affetti da artrite reumatoide (AR) moderata e grave. Si è così evidenziato che in un anno, il miglioramento dell’attività della malattia era -18,9 nei pazienti con grave AR e -6.0 nei pazienti con AR moderata. A due anni, il miglioramento è stato rispettivamente di -21,0 e -7,1.  Inoltre, tra i pazienti con malattia moderata, il 22,7% ha raggiunto la remissione (CDAI ≤ 2,8 ) a un anno, rispetto al 15,8% di quelli con grave RA. A due anni, il 25,9% e il 20,9% erano rispettivamente in remissione. Un livello di bassa attività della malattia o la remissione sono stati raggiunti ad un anno dal 60,1% dei pazienti con malattia moderata e dal 41,2% di quelli con  malattia grave, e in due anni dal 66,7% e dal 49,4%, rispettivamente. Infine ad un anno dall’inizio del trattamento, oltre il 70% dei pazienti era ancora in trattamento con lo stesso farmaco, e più del 62% ha mantenuto lo stesso farmaco dopo 2 anni.“Questi risultati sostengono la possibilità che ci possa essere una maggiore probabilità di raggiungere gli obiettivi di un trattamento aggressivo, come una bassa attività della malattia o la remissione se si inizia la terapia biologica prima che i pazienti raggiungano livelli più elevati di attività della malattia”, hanno scritto gli autori nell’introduzione all’articolo. “Di conseguenza, un aggiustamento degli obiettivi del trattamento può essere giustificato per alcuni pazienti con artrite reumatoide, per esempio, quelli con un’elevata attività della malattia o con malattia di lunga data” .

Fonte: Rheumatology 2017

Reuters Staff

(Versione italiana Quotidiano Sanità/ Popular Science)

 

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento

*