Appello oncologi: rinvio richiamo è un rischio per i soggetti fragili

Estendere i tempi per la somministrazione della seconda dose dei vaccini Pfizer e Moderna a 42 giorni, anzichè  effettuare il richiamo a 3 o 4 settimane come previsto, potrebbe rappresentare un rischio per i pazienti fragili. Per loro, infatti, la risposta immunitaria che si sviluppa dopo la prima dose è ridotta ed allungare i tempi per il richiamo può  rappresentare un pericolo. Oncologi, cardiologi ed ematologi avvertono che la nuova tempistica indicata nell’ultima circolare del ministero della Salute, con l’obiettivo di vaccinare un maggior numero di persone rimandando le seconde dosi, non può  essere applicata ai malati più fragili e lanciano un appello al ministro della Salute e al Comitato tecnico scientifico (Cts).

A chiarire i motivi della “preoccupazione” espressa dagli esperti è Francesco Cognetti, presidente della Federazione degli oncologi, cardiologi e ematologi (Foce) : “La seconda dose del vaccino anti-Covid va fatta entro i 21 giorni ai più  fragili.

I pazienti oncologici in trattamento attivo, in particolare, devono  essere vaccinati con la seconda inoculazione entro 21 giorni. Le evidenze scientifiche infatti dimostrano che questi soggetti estremamente vulnerabili hanno meno probabilità rispetto alle persone sane di sviluppare una risposta anticorpale dopo la prima dose del vaccino prodotto da Pfizer e dovrebbero avere la priorità  della seconda dose entro tre settimane”. Pur comprendendone gli obiettivi,  gli esperti si dicono quindi molto preoccupati per la decisione del Cts di estendere l’intervallo fra la prima e la seconda dose dei due vaccini anti Covid a mRNA  anche ai pazienti fragili. Da qui l’appello al ministro della Salute, Roberto Speranza, che non venga applicata la circolare ai pazienti oncologici –  che presentano un rischio maggiore di complicazioni se contagiati da Covid, con un tasso di mortalità  del 30% in caso di ospedalizzazione – e, con ogni probabilità, anche a tutti coloro che sono considerati estremamente fragili. Uno studio recente pubblicato su Lancet Oncology, chiarisce Cognetti, ha dimostrato che la risposta anticorpale dei pazienti colpiti da tumori solidi e del sangue dopo la prima dose di vaccino è  molto più bassa che in persone normali e che tale risposta si consolida solo dopo la seconda dose. Il tempo migliore per il richiamo deve rimanere quindi dopo 21 giorni.

Lo studio è stato condotto dal King’s College di Londra. Sono stati arruolati 151 pazienti con tumori solidi o ematologici e 54 persone sane che hanno ricevuto la prima dose del vaccino di Pfizer. Circa 21 giorni dopo l’inoculazione, solo il 38% dei pazienti con tumori solidi e il 18% con neoplasie ematologiche presentava un titolo positivo di immunoglobuline (IgG) rispetto al 94% delle persone sane. Considerando coloro che hanno ricevuto la seconda dose entro tre settimane, il 95% dei pazienti con tumori solidi e il 60% dei pazienti con neoplasie ematologiche hanno evidenziato una adeguata risposta anticorpale.

Invece, tra coloro che non hanno ricevuto la seconda dose il 21/mo giorno, solo il 30% dei pazienti con tumori solidi e l’11% dei pazienti con tumori ematologici hanno sviluppato una risposta contro il virus. “Questi risultati – conclude Cognetti – sono analoghi a quelli preliminari finora conseguiti in uno studio tuttora in corso presso l’Istituto Regina Elena di Roma e l’Istituto San Gallicano di Roma in 816 pazienti con neoplasie solide in trattamento attivo o che hanno ricevuto il trattamento negli ultimi sei mesi. Su oltre 700 pazienti finora esaminati solo circa la metà risulteranno immunizzati dopo la prima dose e circa il 70% dopo un mese dalla seconda dose”.

di Manuela Correra

 

Post correlati

Lascia un commento

*