Home » Medicina » Apnee notturne: all’origine la mutazione di una molecola

Apnee notturne: all’origine la mutazione di una molecola

Le apnee notturne sono un disturbo cronico che, secondo gli esperti, riguarderebbe circa il 5% degli italiani. In pratica durante il sonno la respirazione viene interrotta da pause che possono durare anche alcune decine di secondi e arrivare ad essere fino a 30 in un’ora. Un gruppo di ricercatori della Warwik University ha però individuato la causa ed anche una possibile soluzione.

A regolare la respirazione, negli animali, è la molecola connexin26 (Cx26), che reagisce all’anidride carbonica (CO2) presente nel corpo e attiva il processo di inspirazione ed espirazione. Rileva infatti i livelli di CO2 nel sangue e quando questi aumentano troppo induce ad espirare e prendere ossigeno. I ricercatori hanno visto che esistono però delle mutazioni nella molecola Cx26 e che le persone che le trasportano possono essere a rischio di apnea del sonno.

Identificare queste mutazioni, potrebbe portare a trattamenti mirati. “Questi risultati offrono la possibilità di aprire nuove strade per identificare e trattare le persone a rischio”, commenta Nicholas Dale, autore dello studio pubblicato sul Journal of Endocrinology. I ricercatori hanno inoltre verificato che Cx26 è un sensore universalmente importante negli animali a sangue caldo, comprese le talpe che, vivendo sotto terra, tollerano elevati livelli di CO2.

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento

*