Home » Medicina » Antidepressivi nei più giovani: il rischio di suicidio è doppio

Antidepressivi nei più giovani: il rischio di suicidio è doppio

farmaciSempre più ombre sull’uso di antidepressivi nei più giovani. Uno studio pubblicato sul British Medical Journal mostra che bambini e adolescenti che assumono gli antidepressivi (i più comunemente prescritti, duloxetina, fluoxetina, paroxetina, sertralina e venlafaxina) hanno un rischio raddoppiato di aggressione e di suicidio. I farmaci invece non avrebbero simili effetti nel paziente adulto.

Lo studio
Condotto in Danimarca presso il Nordic Cochrane Centre a Copenhagen, il lavoro consiste nella revisione di 70 studi clinici per un totale di 18.526 pazienti, con l’obiettivo di esaminare la correlazione tra uso di antidepressivi e danni gravi tra cui decessi, tentativi di suicidio, pensieri suicidi, “acatisia” che è una sindrome psicomotoria che si manifesta con l’impossibilità di stare fermi, seduti, causa irrequietezza, ansietà, parestesia e agitazione. Lo studio è particolare perché i ricercatori danesi hanno usato molte informazioni aggiuntive rispetto a quelle fornite dai dati sperimentali pubblicati: hanno utilizzato i rapporti sulle sperimentazioni (i cosiddetti report dei trial clinici) usati dalle aziende per chiedere l’autorizzazione per la messa in commercio del farmaco e poi le sintesi delle sperimentazioni stesse fornite dalle aziende (summury). Inoltre hanno usato i “diari” dei volontari.

L’analisi
Ne è emerso un quadro complesso in cui risulta difficile stabilire un rischio complessivo di seri eventi avversi legato al consumo di questi farmaci, spiegano gli autori. I ricercatori però riferiscono che bambini e adolescenti che assumono gli antidepressivi hanno un rischio raddoppiato di aggressione e di suicidio. Gli autori raccomandano quindi “un uso limitato al massimo di antidepressivi nei bambini, negli adolescenti e nei giovani adulti, perché i danni gravi potrebbero essere maggiori di quanto si creda e al tempo stesso la loro efficacia sembrerebbe essere sotto la soglia di rilevanza clinica”. Meglio quindi optare per terapie alternative come la psicoterapia.

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento

*