Home » Medicina » Antibiotici: alle donne se ne prescrivono di più, ma perché?

Antibiotici: alle donne se ne prescrivono di più, ma perché?

AntibioticiRispetto agli uomini le donne ricevono più prescrizioni di antibiotici il tutto però senza motivo. I dati però parlano chiaro, le donne hanno una probabilità che gli venga prescritto un antibiotico superiore del 27% rispetto agli uomini. A rivelarlo è uno studio pubblicato sul Journal of Antimicrobial Chemotherapy e condotto da Evelina Tacconelli, infettivologa italiana attualmente presso l’Università di Tubingen in Germania.

Lo studio e i dati
Si tratta di un’analisi di dati estrapolati da 11 studi condotti in vari Paesi tra cui l’Italia e relativi a un totale di oltre 44 milioni di individui. E’ emerso che le donne hanno in media una probabilità maggiore del 27% rispetto agli uomini di ricevere una ricetta per antibiotici; la probabilità sale al 36% per donne di 16-34 anni; e del 40% per donne di 35-54 anni. Gli antibiotici con maggiori differenze di genere nelle prescrizioni sono le cefalosporine e i macrolidi comunemente usati per infezioni delle vie respiratorie. Invece risultano equamente prescritti ai due sessi i chinoloni, usati per infezioni delle vie urinarie.

Dati epidemiologici relativi a frequenza di malattie infettive non possono giustificare queste marcate differenze di genere nelle prescrizioni di antibiotici, sottolineano gli autori del lavoro; probabilmente sono in gioco fattori sociali e comportamentali. Le evidenze epidemiologiche attualmente disponibili quindi non possono pienamente spiegare le disuguaglianze di genere in fatto di prescrizioni di antibiotici rilevate in questo studio.

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento


*