Home » Ambiente » Antartide occidentale: i ghiacci riservano una sorpresa calda

Antartide occidentale: i ghiacci riservano una sorpresa calda

antarticoUn cuore più caldo del previsto si nasconde nei ghiacci dell’Antartide occidentale. A scoprirlo sono stati i geologi dell’Università della California a Santa Cruz misurando direttamente il flusso di calore sprigionato da sorgenti geotermiche profonde nella crosta terrestre che contribuiscono a sciogliere la base della calotta glaciale.

Per misurare il flusso di calore, i ricercatori hanno preso la temperatura del sedimento posto al di sotto del lago subglaciale Whillans, nascosto da quasi un chilometro di ghiacci: la sonda ha registrato valori termici che con la profondità aumentano 5 volte più velocemente di quanto non accada normalmente negli altri continenti. Il flusso di calore è pari a 285 milliwatt per metro quadro, circa lo stesso calore sprigionato da una piccola lampadina a led. ”Conoscere questo dato, è importante per fare previsioni precise sul comportamento futuro della calotta glaciale occidentale – spiega Slawek Tulaczyk, coordinatore dello studio – in modo da capire quanto si sta sciogliendo, quanto si muovono veloci i flussi di ghiaccio e quali conseguenze ci saranno sull’innalzamento del livello del mare”.

I geologi sottolineano come queste sorgenti geotermiche non siano responsabili del rapido scioglimento dei ghiacci registrato nell’ultimo decennio; ”fanno parte del sistema”, precisano. “La calotta glaciale si è sviluppata ed evoluta insieme a loro”. Quello che possono spiegare, però, è ”perché il ghiaccio qui è così instabile: se sommiamo gli effetti del riscaldamento globale – concludono i geologi – allora le cose possono cambiare molto rapidamente”. I dati raccolti, pubblicati su Science Advances, aiuteranno, quindi, a prevedere in modo più preciso il destino dei ghiacci nel continente bianco.

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento


*