Home » Medicina » Anche il neo-papà soffre di depressione post partum

Anche il neo-papà soffre di depressione post partum

(Reuters Health) – Se ormai sono molti coloro che sanno riconoscere i segni della depressione postpartum nelle neomamme, lo stesso non possiamo dire quando questa sindrome coglie i neo-papà.

I neo-papà, come le neo-mamme, possono lottare con ansia, depressione e traumi e anche avere difficoltà a legarsi ai figli. Secondo una revisione di alcune ricerce, addirittura un padre su quattro sofffìrirebbe di depressione post partum.

Lo studio
Il leader dello studio Viren Swami, professore di psicologia sociale presso l’Anglia Ruskin University di Cambridge, ha iniziato a fare ricerche sul tema dopo aver ricevuto diagnosi del disturbo dopo la nascita del figlio.

“Dopo che ho ricevuto la diagnosi ho voluto fare più ricerche e scoprire perché tante persone, come me, pensano che gli uomini non possono avere depressione postnatale”, dice Swami.

Insieme ai colleghi ha reclutato 406 volontari dai 18 ai 70 anni e li ha invitati a leggere due vignette che descrivevano situazioni quasi identiche in cui il soggetto soffriva di depressione postpartum, ma in un caso si trattava di un uomo e nell’altro di una donna.

All’inizio ai partecipanti è stato chiesto se ritenevano che ci fosse qualcosa che non andava nei soggetti. Quasi tutti, il 97%, hanno risposto sì per la vignetta con la donna e il 79,5% ha risposto sì per quella con l’uomo.

Successivamente, i partecipanti sono stati invitati ad esprimersi su ciò che pensavano che non andasse. Nel caso della madre, il 90,1% ha citato correttamente depressione postpartum, depressione postnatale o depressione, mentre solo il 46,4% lo ha fatto per il padre.

Le risposte che adducevano come motivo il baby blues sono state segnate come scorrette perché questo tipo di sbalzo d’umore di breve durata è diverso dalla depressione postnatale o postpartum e solitamente si risolve entro una settimana dal parto, come scrivono Swami e il suo team sul Journal of Mental Health, online il 9 maggio.

Per la donna, una netta maggioranza, pari al 92,9%, ha dichiarato che il problema era la depressione.

Tra coloro che hanno percepito che qualcosa non andasse nell’uomo, il 61% ha ritenuto che potesse essere affetto da una qualche forma di depressione.

Tuttavia, il 20,8% ha pensato che i sintomi del padre fossero riconducibili allo stress, l’11% ha risposto con stanchezza e stress e pochi altri hanno dichiarato che poteva trattarsi di ansia, sensazione di essere trascurato o “baby blues”.

“Poiché molte persone non capiscono che gli uomini possono avere depressione postnatale è più facile minimizzare i sintomi, la gravità della depressione post partum o la necessità di allungare le braccia e cercare aiuto”, dice Brandon Eddy, professore assistente presso l’Università del Nevada di Las Vegas, non coinvolto nello studio.

“Ora servono urgentemente programmi altrettanto rigorosi per supportare i nuovi padri e aumentare la consapevolezza sulla depressione postnatale paterna”, conclude il ricercatore.

Fonte: Journal of Mental Health 2019
Manas Mishra
(Versione italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento

*