Home » Medicina » Anche gli impianti dentali si ammalano

Anche gli impianti dentali si ammalano

Non si ammalano solo i denti, si ammalano anche gli impianti. A confermarlo è uno studio, pubblicato sul Journal of Clinical Periodontology, condotto all’Università di Pisa da Filippo Graziani, docente al dipartimento di Patologia chirurgica, medica, molecolare e dell’Area critica e presidente eletto della Federazione europea di Parodontologia, che ipotizza anche un incremento dei casi in Europa nei prossimi anni.

La ricerca
“Nel nostro studio abbiamo stimato l’andamento dei casi sia di parodontite, sia di perimplantite, la patologia che colpisce gli impianti dentali – spiega Graziani – I risultati dimostrano che, da qui al 2025, la parodontite rimarrà stabile nel numero complessivo di casi, mentre la diffusione delle patologie collegate agli impianti dentali crescerà in maniera rilevante, di pari passo con la diffusione dell’implantologia”.

La parodontite colpisce 743 milioni di persone nel mondo e rappresenta la sesta malattia cronica più frequente a livello globale. Nella ricerca sono stati interpellati 113 esperti europei sulle previsioni più probabili in ambito parodontale nei prossimi anni. Per condurre l’indagine è stato utilizzato il metodo Delphi, un metodo iterativo che si svolge attraverso più fasi di formulazione e valutazione delle opinioni di un gruppo di esperti su un dato argomento e serve a far emergere una visione completa e condivisa sul tema di interesse.

“Livelli elevati di placca, abitudine al fumo e presenza di parodontite sono associate a un rischio maggiore di sviluppare perimplantite – conclude Graziani – Tuttavia questi indicatori possono essere messi sotto controllo prima del trattamento. Infine, se attuato un corretto programma di mantenimento professionale, tre o quattro controlli all’anno, si può ridurre l’incidenza della patologia e assicurarne un successo più duraturo”.

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento

*