Home » Medicina » Alzheimer: positivi i test di fase III su farmaco che frena la progressione

Alzheimer: positivi i test di fase III su farmaco che frena la progressione

alzheimerRiduce la progressione dell’Alzheimer fermando il declino mentale e l’indebolimento della memoria. Questi i risultati positivi dello studio di fase III sul farmaco Lmtx, ma non per tutti i pazienti sottoposti ai test. Gli esiti sono stati presentati a Toronto, in occasione della Conferenza Internazionale dell’Associazione Alzheimer. Accolto con entusiasmo dall’Alzheimer’s Disease International, non sono pochi gli esperti che sottolineano come in realtà abbia avuto risultati inferiori alle aspettative.

Lo studio ha coinvolto 891 persone che avevano avuto sintomi lievi o moderati di Alzheimer. Alcuni hanno assunto il farmaco da solo, altri in combinazione con altri trattamenti che stavano già assumendo, e il resto ricevuto un placebo. Alla fine del periodo di studio di 15 mesi, i test di abilità mentale hanno rivelato che in coloro che assumevano il farmaco da solo (circa il 15% del campione) sia le abilità cognitive che quelle di svolgere i compiti quotidiani, come ad esempio vestirsi e nutrirsi, si erano deteriorate ”significativamente più lentamente” rispetto a quelli trattati con placebo.

Risonanze magnetiche hanno inoltre rivelato che l’atrofia cerebrale nei pazienti trattati con Lmtx risultava ridotta tra il 33 e il 38%, rispetto a quelli trattati con il placebo. “Ci sono stati significativi effetti clinici nei pazienti che assumono il farmaco in monoterapia, e nessun effetto nei pazienti che assumono come aggiunta ad altri farmaci”, ha chiarito Claude Wischik, amministratore delegato di, azienda produttrice. D’altronde è il primo successo da anni a questa parte nel settore. I farmaci attualmente prescritti ai malati di Alzheimer, infatti, aiutano in parte a controllare i sintomi, ma non impediscono il deterioramento del cervello.

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento

*