Home » Medicina » Alzheimer e diabete: sempre più evidenze sul legame

Alzheimer e diabete: sempre più evidenze sul legame

Sono sempre di più gli studi e le evidenze che mettono in relazione, e ne confermano il legame, Alzheimer e diabete. Uno di questi, condotto alla Georgetown University di Washington, ha preso in esame 125 pazienti con Alzheimer precoce, sottoposti a un test di tolleranza al glucosio a digiuno e poi ritestati due ore dopo aver mangiato per verificare l’aumento di zuccheri nel sangue: ne è emerso che il 30% presentava pre-diabete e il 13% diabete.

Gli studi
“Questo risultato suggerisce che dovremmo testare per il diabete tutti i nostri pazienti con Alzheimer precoce”, spiega Scott Turner, direttore del Georgetown University Medical Centre’s Memory Disorders Programm. A evidenziare il legame tra le due malattie anche uno studio apparso sul Journal of Clinical Investigation che ha mostrato come la glicemia alta possa far aumentare rapidamente i livelli di beta-amiloide, il cui accumulo innesca l’Alzheimer.

I ricercatori della Washington University di St. Louis hanno sottoposto topi con Alzheimer a infusioni di glucosio: in quelli senza malattia il raddoppio dei livelli della glicemia portava a un aumento dei livelli di beta-amiloide nel cervello del 20%, mentre nei topi anziani che già avevano sviluppato placche cerebrali, l’aumento era del 40%. I picchi glicemici, secondo i ricercatori, hanno portato a un aumento dell’attivita’ neuronale, che ha a sua volta promosso la produzione di beta-amiloide.

Uno dei più recenti studi sul tema, pubblicato su Scientific Report, ha evidenziato il legame molecolare specifico tra glucosio e morbo di Alzheimer. Studiando campioni di cervello di persone con e senza Alzheimer, ricercatori della University of Bath, nel Regno Unito, hanno scoperto che, nelle prime fasi del morbo un enzima chiamato MIF (fattore inibitorio della migrazione dei macrofagi) è danneggiato da un processo chimico chiamato glicazione, particolarmente favorito dal diabete. E che proprio la riduzione dell’attività MIF potrebbe essere il “punto di non ritorno” nella progressione della malattia di Alzheimer.

Tag

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento

*