Home » Medicina » Alzheimer: declino cognitivo comincia 12 anni prima dell’esordio

Alzheimer: declino cognitivo comincia 12 anni prima dell’esordio

Alzheimer(Reuters Health)  – “L’insorgenza del declino cognitivo si è evidenziata con un test sulla capacità di memorizzazione, 12 anni prima della comparsa dei segni clinici della disfunzione cognitiva  e i nostri risultati supportano l’idea che un alto livello di istruzione possa costituire un fattore protettivo contro l’insorgenza del declino cognitivo”. Questo il commento di studio Daniel C. Aguirre -Acevedo, ricercatore presso la Faculty of Medicine presso la University of Antioquia di Medellin in Colombia, autore principale di uno studio  che ha valutato  circa 500 malati di Alzheimer portatori di oltre 1.000 mutazioni.

Lo studio
Per valutare il tasso d’insorgenza, gli effetti della genetica,  i fattori vascolari e socio-economici sul declino cognitivo nel periodo preclinico della ADAD, Aguirre Acevedo e colleghi hanno condotto uno studio retrospettivo di oltre 17 anni in una coorte di 493 individui di Antioquia che sono risultati positivi per la mutazione PSEN1E280A ADAD – associata. Nel complesso, 56 partecipanti (11,4%) hanno sviluppato una forma di demenza da lieve a moderata. I ricercatori hanno utilizzato un modello misto di effetti per stimare i tassi di variazione dei punteggi dei test cognitivi e per segnare l’inizio del declino cognitivo. Al momento delle valutazione iniziali, i partecipanti avevano un’età media di 33,4 anni e avevano avuto un’istruzione media di 7,2 anni. In totale la coorte era composta da 270 (54,8%) donne, 293 (59,4%) persone sposate e 322 (65,3%) persone con un basso stato socio-economico. I ricercatori hanno valutato la memoria, il linguaggio, la capacità di prassi e i punteggi totali ottenuti utilizzando una batteria di test compresi nel Consortium to Establish a Registry for Alzheimer Disease . Sono stati anche considerati gli effetti delle seguenti variabili: sesso, educazione, stato socioeconomico, residenza,  occupazione, stato civile, storia di ipertensione, diabete e dislipidemia, uso di tabacco e alcol, la presenza dell’allele APOE E4 e il declino cognitivo.

I risultati
Si è così dimostrato che il primo indicatore del declino cognitivo preclinico a 32 anni di età, era il punteggio  ottenuto col test di memorizzazione di un elenco di parole che si verificava rispettivamente 12 e 17 anni prima del decadimento cognitivo lieve e dell’esordio della demenza. Dopo il punto del cambiamento, i soggetti con demenza hanno avuto un declino cognitivo statisticamente significativo, perdendo 0,24 punti all’anno nel test di memorizzazione dell’elenco di parole e di 2,13 punti all’anno per i punteggi totali. Al contrario, i soggetti con demenza con elevato grado d’istruzione hanno avuto un aumento di circa il 36% del tasso di declino cognitivo dopo il momento del cambiamento, rispetto a chi aveva un inferiore grado d’istruzione. L’insorgenza del declino cognitivo era ritardata di 3 anni nei partecipanti più istruiti, rispetto ai meno istruiti. Ma il declino cognitivo osservato dopo l’esordio clinico della malattia era più grave e rapido nei soggetti più istruiti e in coloro che avevano uno stato socioeconomico di livello medio, diabete e storia di ipertensione, tabagismo e alcol.

Fonte: JAMA Neurol 2016.

Lorraine L. Janeczko

(Versione italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)

 

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento


*