Home » Medicina » Alcol: giovani bevitori “incoraggiati” da video Youtube

Alcol: giovani bevitori “incoraggiati” da video Youtube

(Reuters Health) – Alcuni cliccatissimi video di YouTube che presentano al loro interno alcolici delle marchi preferiti dai giovani, possono costituire una forma di incoraggiamento al bere per i minori. “YouTube è diventato una delle più grandi piattaforme di condivisione video, ma spesso sfugge ai controlli radar”, dice l’autore principale Brian Primack, dell’Università di Pittsburgh in Pennsylvania. “I marchi sono estremamente importanti quando si tratta di consumi di alcol e gioventù. La transizione chiave avviene quando un giovane è più suscettibile al branding”.
Lo studio
Primack e colleghi hanno cercato su Youtube video contenenti marchi popolari nella cultura pop per i bevitori minorenni, come Bud Light, Coors Light, Gray Goose, Hennessey, Jack Daniel, Hard Hard Lemonade, Patron e Smirnoff. Hanno analizzato 137 video pubblicati tra il 2006 e il 2013, considerando la qualità della produzione, le caratteristiche degli attori (sesso, etnia) nonché le associazioni positive e negative del consumo di alcool. Dall’analisi è emerso che i video avevano una durata media di circa due minuti e contavano circa 116.000 visualizzazioni ciascuno, per un totale di 97 milioni di visualizzazioni. Circa il 60% è stato classificato come professionale e di qualità professionale. Circa il 40% dei video sono stati considerati come spot pubblicitari tradizionali e altre categorie comuni sono state individuate in video musicali o i concerti, così come i video chugging (dove si vedono giovani che bevono alcolici e fumano senza controllo).
I tipi di video e i messaggi tendevano a variare a seconda delle marche. Ad esempio, l’83% di quelli che hanno caratterizzato Bud Light erano annunci tradizionali, rispetto al 18% dei video Gray Goose e a nessuno dei video Patron. Riguardo alle associazioni positive con l’uso di alcool, oltre l’80% dei video Bud Light e Coors Light si contraddistinguono per l’umorismo. Allo stesso modo, tutti i video correlati al Patron – e nessuno dei video legati a Bud Light – mostrava lo stato d’intossicazione. Solo i video di Gray Goose e Jack Daniel presentavano riferimenti alla dipendenza. Lo studio ha anche rivelato che la maggior parte della negatività era contenuta nei video musicali, che tendevano a ritrarre un bere pesante e uno stile di vita “grintoso”. La maggior parte dei video non sono erano stati caricati dalle aziende produttrici delle bevande alcoliche, ma sono stati ricavati da concerti, feste e video musicali sponsorizzati dalle aziende o da coloro che hanno caricato e contrassegnato un video come “humour”.
Fonte: J Stud Alcohol Drugs 2017
Carolyn Crist

(Versione italiana Quotidiano Sanità/ Popular Science/ Nutri e Previeni)

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento

*