Home » Medicina » Alcol e tumori: la correlazione c’è. Più si beve, più il rischio sale

Alcol e tumori: la correlazione c’è. Più si beve, più il rischio sale

alcoolSono sette i tumori che potrebbero essere causati da un consumo troppo elevato di bevande alcoliche: bocca e gola, laringe, esofago, fegato, colon, intestino e mammella. Inoltre, più si beve, più aumenta il rischio. A rivelarlo è uno studio firmato da Jennie Connor della University of Otago in Nuova Zealanda e pubblicato sulla rivista Addiction.

Lo studio
Si tratta di un’ampia ‘meta-analisi’ di dati pubblicati negli ultimi anni sull’argomento e offre ”una forte evidenza del fatto che l’alcol può causare il cancro in modo diretto”, scrive Connor. L’alcol, aggiunge, si stima abbia causato circa mezzo milione di morti per cancro in un anno nel mondo (dati relativi al 2012) – ovvero il 5,8% di tutti i decessi per tumore a livello globale.

Secondo Connor non ci sono consumi sicuri, ma il rischio sale al crescere dei ‘bicchieri’ consumati al giorno. A tal proposito è importante sapere che una Unità Alcolica (U.A.) corrisponde a circa 12 grammi di etanolo che sono contenuti in un bicchiere piccolo (125 ml) di vino a media gradazione, in una lattina o bottiglia di birra (330 ml) di media gradazione o in una dose da bar (40 ml) di superalcolico.

Secondo quanto riporta The Indipendent, lo studio mostra che rispetto alle non bevitrici, le donne che regolarmente consumano due unità di alcol al dì hanno un rischio di cancro al seno e di morire per questa malattia del 16 maggiore. Coloro che bevono regolarmente 5 unità al giorno hanno il 40% di rischio in più.

In altri termini se per ogni 1.000 donne che non bevono mai alcolici, 109 svilupperanno il tumore al seno, si stima che per 1.000 donne che consumano alcolici 126 si ammaleranno per consumi di 14 unità o meno a settimana, 153 per consumi settimanali di 14-35 unità. I ricercatori stanno ancora cercando i meccanismi con cui l’alcol causa direttamente il tumore; è possibile che danneggi il nostro codice genetico scatenando la malattia.

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento


*