Home » Ambiente » Alaska radioattiva: trovata nell’atmosfera misteriosa particella

Alaska radioattiva: trovata nell’atmosfera misteriosa particella

Alaska terra incontaminata, oppure no? Purtroppo forse no. E’ stata trovata nell’atmosfera di queste terre, in corrispondenza delle isole Aleutine, una particella radioattiva dai ricercatori dell’agenzia di ricerca sull’atmosfera e gli oceani degli Stati Uniti (Nooa).

La misteriosa particella
Descritta sul Journal of Environmental Radioactivity, la particella contiene una forma di uranio arricchito dall’origine sconosciuta e la sua sorgente non sembrerebbe essere naturale. Secondo una prima ipotesi potrebbe essere stata prodotta in seguito a un incidente nucleare, probabilmente avvenuto in Asia, forse nella Corea del Nord, ma al momento non c’è alcuna conferma.

La composizione
La particella, descritta soltanto adesso in un articolo scientifico, è stata scoperta nell’agosto 2016, durante un normale campionamento dell’inquinamento aereo sull’oceano Pacifico, dalle isole Hawaii all’Alaska. Rilevata a circa 7 chilometri di quota, la particella non preoccupa per la sua radioattività, considerando le dimensioni molto ridotte, ma per l’origine degli elementi radioattivi che contiene: l’uranio 238, che esiste in natura, e l’uranio 235, che invece naturale non è affatto.

“In venti anni nei quali abbiamo raccolto milioni di particelle nell’atmosfera – hanno scritto i ricercatori nell’articolo – abbiamo incontrato solo raramente una particella con un contenuto simile di uranio 238 e mai una particella con uranio arricchito 235”. L’uranio 235 è infatti la forma di uranio in grado di sostenere una reazione di fissione nucleare, ma secondo i ricercatori è troppo piccola per essere sfuggita alla produzione industriale di combustibile nucleare.

La pubblicazione dell’articolo è, secondo i ricercatori, una sorta di messaggio in bottiglia lanciato alla comunità scientifica, nella speranza che “qualcuno sappia dire di più sulla fonte della particella”.

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento

*