Home » Astronomia » Al centro della Via Lattea batte un ‘cuore’ giovane

Al centro della Via Lattea batte un ‘cuore’ giovane

shutterstock_121925236La mitologia greca racconta che la Via Lattea non era altro che Era che allattava Eracle. Oggi questa striscia di “latte” luminoso ha dato nuove possibilità di conoscenza. La Via Lattea non è altro che la “galassia per eccellenza” della quale ne fa parte il Sistema Solare. Ma se andiamo al nucleo della questione, anche di fatto, una scoperta “stellare” ci dice che esistono tante stelle giovani e particolarmente brillanti posizionate proprio nel nucleo della Via Lattea. Una posizione particolare, eccellente nel cuore della galassia. Finora gli studi riportavano solo vecchie stelle all’interno della Via Lattea quindi che ci fossero nuove stelle nascenti è un grande passo verso una conoscenza più approfondita delle galassie in generale.

Queste neonate stelle si espandono e contraggono ciclicamente, avvolte in una spessa “coperta” di polvere. Questa componente finora sconosciuta della nostra galassia è stata scoperta grazie al telescopio Vista dell’Osservatorio Meridionale Europeo (Eso) in Cile. Lo strumento, puntato sulle zone centrali della Via Lattea, sta scoprendo un elevatissimo numero di nuovi oggetti celesti.
Le immagini raccolte tra il 2010 e il 2014, in particolare, hanno permesso di identificare oltre 600 possibili stelle variabili dette Cefeidi, che si espandono e si contraggono periodicamente (nell’arco di pochi giorni e perfino alcuni mesi) cambiando la loro luminosità. Le loro caratteristiche sono state valutate da un gruppo di astronomi guidato Istvan De’ka’ny, della Pontificia università cattolica del Cile. Lo studio, pubblicato su Astrophysical Journal Letters, dimostra che 35 di queste stelle appartengono al sottogruppo delle cosiddette Cefeidi classiche, stelle giovani e luminose, molto diverse dalle più comuni e vecchie stelle che si trovano di solito nel rigonfiamento centrale della Via Lattea. “Tutte le 35 Cefeidi classiche scoperte hanno meno di 100 milioni di anni”, spiega il secondo autore dello studio Dante Minniti, dell’Università Andres Bello di Santiago. “Le Cefeidi più giovani potrebbero avere appena 25 milioni di anni, anche se non possiamo escludere la presenza di Cefeidi ancora più giovani e brillanti”. La loro età dimostra che nella zona centrale della Via Lattea c’è stato un continuo rifornimento di nuove stelle negli ultimi 100 milioni di anni. Siamo dunque in attesa di nuovi studi in grado di stabilire se queste Cefeidi siano nate vicino a dove ora le osserviamo oppure più lontano. Conoscere in modo approfondito le loro caratteristiche e le modalità di interazione sarà importante per comprendere meglio l’evoluzione della Via Lattea così come delle altre galassie.

Silvia Brugnara

Tag

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento

*