Home » Medicina » Aids: mai abbassare la guardia. Se stop cure rischio nuove epidemie

Aids: mai abbassare la guardia. Se stop cure rischio nuove epidemie

Nonostante gli enormi passi avanti fatti dalla ricerca l’Aids può tornare a fare paura. Solo nel 2017, sono state 1,8 milioni le persone nel mondo infettate dal virus Hiv e la minaccia della malattia è particolarmente grave in Africa ed Europa dell’Est. Gli esperti riunitisi alla 22/ma Conferenza internazionale sull’Aids di Amsterdam avvertono: abbassare la guardia sul fronte della prevenzione e degli stanziamenti internazionali per garantire l’accesso alle cure è “estremamente pericoloso” perché c’è il rischio concreto di “nuove epidemie” se i trattamenti farmacologici non saranno più assicurati.

Il monito è appunto quello di “rialzare la guardia” poiché l’epidemia – nonostante il numero dei morti si sia ridotto, anche se non dappertutto – “non è finita”. “C’è il rischio, soprattutto in Africa e nell’Europa dell’Est, di una forte ripresa dell’epidemia di Hiv-Aids se si continuerà a sottovalutare il problema, come sta oggi accadendo in varie realtà, e si interromperà la disponibilità delle terapie contro l’infezione, anche a causa del calo dei finanziamenti mirati a questo scopo”, afferma da Amsterdam il presidente della Società Italiana Malattie Infettive e Tropicali (Simit), Massimo Galli. E’ infatti questo, sottolinea l’esperto, “il quadro allarmante che abbiamo di fronte e questo congresso porrà l’accento proprio sulla sottovalutazione del pericolo in vari Paesi: l’epidemia da virus Hiv ha infatti dato segno di poter essere tenuta sotto controllo solo a patto che venga garantita la terapia adatta, ma si si smette di trattare l’infezione allora questa – avverte – riprenderà a diffondersi, come già sta accadendo in varie aree in Africa e dell’ex Unione sovietica”.

Nel continente africano, spiega, “i problemi derivano appunto dalla diminuzione dei finanziamenti per garantire i farmaci anti-Aids alla popolazione, mentre nelle aree dell’ex Unione sovietica il nuovo forte aumento di infezioni da Hiv è legato alla crescita del fenomeno della tossicodipendenza”. Il punto, avverte, è che “l’Aids si tiene sotto controllo e si contiene solo se viene curato”. Al contrario, avvertono gli infettivologi, “oggi assistiamo ad un disconoscimento della gravità della situazione”. Per questo la comunità scientifica, sottolinea anche il presidente dell’Agenzia italiana del farmaco (Aifa) Stefano Vella, “è molto preoccupata: le infezioni nel mondo sono ancora troppe ed in aumento in varie aree, nell’Est Europa l’infezione ha ripreso a dilagare e in Africa le morti non si sono arrestate. L’epidemia, quindi, non si sta fermando e non è finita”.

L’allarme è stato rilanciato nei giorni scorsi anche dal Programma congiunto dell’Onu sull’Hiv/Aids (Unaids): benché i decessi siano in calo e benché il numero di persone che hanno accesso a terapie sia in aumento (21,7 milioni nel 2017), le nuove infezioni sono in aumento in almeno 50 paesi e il ritmo dei progressi per sconfiggere l’epidemia non sta al passo con gli obiettivi. Inoltre, l’Unaids evoca una possibile crisi sul fronte dei finanziamenti, osservando un’assenza di nuovi impegni significativi. Nel 2017, secondo gli ultimi dati Unaids, nel mondo sono 36,9 milioni le persone che vivono con il virus Hiv. Ancora troppi i morti: 940.000 solo lo scorso anno.

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento

*