Home » Medicina » AAA (Aneurisma dell’Aorta Addominale): a che punto siamo?

AAA (Aneurisma dell’Aorta Addominale): a che punto siamo?

img_QS_3È simile ad un palloncino dalle pareti sottili e fragili quella che scientificamente è definita “una dilatazione permanente localizzata in un tratto di un vaso ematico”.

Stiamo parlando di aneurisma e in particolare di quello dell’aorta addominale (AAA), una condizione relativamente comune, la cui rottura è associata ad una mortalità solo di poco inferiore a quella riscontrata nel cancro della prostata e della mammella.
Proprio come un palloncino infatti, l’aneurisma può scoppiare, con esiti fatali nella maggioranza dei casi. Si stima che in Italia ne siano affette 84.000 persone, con una significativa prevalenza nella popolazione maschile (il rapporto uomini/donne è di 5:1).
Si definisce killer silenzioso, poiché il più delle volte decorre in forma asintomatica e, spesso, il primo segnale è conseguente proprio alla sua rottura.

L’intervento chirurgico rappresenta l’unica soluzione terapeutica. Va tuttavia sottolineato che l’esito operatorio varia in maniera significativa a seconda che l’intervento venga compiuto in acuto, in situazioni cioè di emergenza post-rottura, oppure sia programmato. Nel primo caso, le statistiche sono agghiaccianti: 8 pazienti su 10 soccombono a seguito della rottura, o prima dell’intervento o per l’insorgenza di successive complicanze legate all’intervento stesso. Quando invece il paziente è sottoposto ad un trattamento chirurgico di tipo profilattico, pre-rottura quindi, il rischio di mortalità scende al di sotto del 3%.

Una ecografia può salvare la vita

È evidente quindi l’importanza di diagnosticare la patologia tempestivamente, in modo da pianificare l’intervento chirurgico prima che il rischio di rottura diventi elevato. “E pensare che per scongiurare questo pericolo basterebbe una semplice ecografia addominale, esame non invasivo ed innocuo, da ripetersi annualmente per tutti i soggetti a rischio” (uomini, over 65, fumatori, con familiarità per AAA – ndr)- dichiara Gioachino Coppi.

Soluzioni chirurgiche a confronto: chirurgia classica o chirurgia endovascolare mininvasiva?
“Fino a pochi anni fa l’unica opzione terapeutica era rappresentata dall’intervento chirurgico “a cielo aperto” – spiega Coppi – oggi invece è possibile ricorrere alla chirurgia endovascolare mininvasiva, in anestesia locale, ad accesso percutaneo con l’utilizzo di endoprotesi sempre più avanzate, capaci di adattarsi a caratteristiche anatomiche diverse. Questa seconda opzione terapeutica è indicata per tutti quei pazienti le cui condizioni di salute non consentono di procedere con l’intervento classico”.
La procedura endovascolare prevede, mediante accesso inguinale , l’introduzione di uno stent che viene aperto a livello dell’aorta, creando una nuova “via”dove far scorrere il sangue, evitando di riempire e quindi pressurizzare l’aneurisma.

Risultati dello studio Innovation
L’affidabilità della chirurgia endovascolare con utilizzo di endoprotesi di ultimissima generazione è confermata dagli incoraggianti risultati dello studio Innovation, indagine “first in human” multicentrica, prospettica, non randomizzata in aperto.
Lo studio ha coinvolto 3 centri di eccellenza italiani nella chirurgia endovascolare sotto le leadership dei prof. Roberto Chiesa (IRCSS San Raffaele di Milano), Carlo Pratesi (Osp. Careggi di Firenze) e Gioachino Coppi (Univ. Modena e Reggio Emilia).
I risultati di questa indagine, a due anni, hanno evidenziato che il ricorso ad endoprotesi di terza generazione, in chirurgia endovascolare ad accesso percutaneo, ha garantito buone prestazioni nei pazienti, senza incidenze di rigonfiamenti o maggiori eventi avversi legati al dispositivo o alla procedura.

Le nuove protesi a differenza di quelle utilizzate in passato– afferma Carlo Pratesi – consentono di intervenire in maniera “sartoriale” a livello dei vasi, perché si adattano alle caratteristiche anatomiche di ogni singolo paziente, grazie ad un rivestimento idrofilico che conferisce loro maggiore flessibilità. Un altro passo è stato compiuto nella ricerca dell’AAA e, conclude Coppi “con orgoglio possiamo dire che oggi l’Italia è all’avanguardia nella chirurgia vascolare, come testimoniato dagli importanti risultati ottenuti dallo studio Innovation”.

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento

*