Home » Medicina » Cuore: chirurgia mininvasiva della valvola mitrale efficace e sicura

Cuore: chirurgia mininvasiva della valvola mitrale efficace e sicura

chirurgia mininvasiva(Reuters Health) – Secondo un’analisi dei dati ottenuti dal database Virginia Cardiac Surgery Quality Initiative (VCSQI) , la chirurgia mininvasiva della valvola mitrale (mini-MVR) offre eccellenti risultati – senza aumentare i costi ospedalieri – rispetto alla chirurgia convenzionale della valvola mitrale, come scrivono gli autori su Annals of Thoracic Surgery.

Lo studio è stato condotto dal team di  Gorav Ailawadi, della University of Virginia di Charlottesville, che ha aggiunto come ogni centro di eccellenza per la chirurgia mitralica dovrebbe essere già pronto per gli interventi di chirurgia mininvasiva. “Sappiamo che l’adozione delle tecniche mininvasive nella chirurgia della valvola è stata lenta. Molti chirurghi criticano questo approccio e credono che abbia risultati peggiori, dati i rischi di ictus più elevati che sono stati riscontrati”.

Lo studio
Il team di Ailawadi, utilizzando i dati del VCSQI provenienti da 18 ospedali e da 14 centri che praticano la cardiochirurgia nel Commonwealth della Virginia ha confrontato i dati sugli esiti della mini-MVR con quelli relativi alla chirurgia della valvola mitrale convenzionale con sternotomia. Lo studio ha incluso un totale di 1.304 pazienti, e un’analisi abbinata sulla propensione, ha incluso 355 pazienti in ciascun gruppo. Si è così evidenziato che nell’analisi complessiva, la mortalità era inferiore per i pazienti trattati con mini-MVR (1,2%) rispetto a quanto si verificava per la chirurgia convenzionale (2,7%), anche se questa differenza non ha raggiunto sempre la significatività statistica. Nell’analisi della corrispondente propensione, i tassi operativi sulla mortalità erano identici con i due approcci (1,1%), così come i tassi dell’ictus postoperatorio e di altri importanti eventi post-operatori.

Tempi operatori più lunghi
I tempi operatori sono risultati significativamente più lunghi con la mini-MVR che con la sternotomia convenzionale (108 contro 85 minuti, p <0.001). Il tempo di permanenza nell’ unità di terapia intensiva e la durata del ricovero ospedaliero sono risultati significativamente più brevi per i pazienti sottoposti a mini-MVR (p = 0.006 e p <0.001, rispettivamente). Inoltre le mediane dei costi ospedalieri non differivano significativamente per i due gruppi abbinati: $ 34.857 per mini-MVR pazienti e $ 38.133 per i pazienti che avevano subito la sternotomia convenzionale. Nei gruppi senza dati corrispondenti, i costi medi erano significativamente più bassi per la mini-MVR ($ 34.857 contro $ 43.255 per sternotomia convenzionale, p <0.001).

“La maggior parte dei pazienti può beneficiare di un approccio mininvasivo se hanno una malattia della valvola mitrale in forma isolata (oltre a una patologia della  valvola tricuspide e/o fibrillazione atriale)”, ha spiegato Ailawadi. “Se hanno bisogno di procedure aggiuntive come il bypass aortocoronarico o la sostituzione della valvola aortica, la chirurgia minimamente invasiva, potrebbe non essere l’ideale”. “Ci sono alcuni fattori anatomici e fisiologici che possono rendere la chirurgia mininvasiva meno favorevole, tra cui l’ipertensione polmonare grave, la scarsa funzionalità del ventricolo sinistro, la presenza di una grave calcificazione anulare mitralica o di significative calcificazioni aortiche –  ha concluso – Infine, non è trascurabile anche il fattore dell’esperienza del chirurgo”.

Fonte: Ann Thorac Surg 2016

Will Boggs MD

(Versione italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento

*