Tumori ossei: rapido sollievo grazie ad ablazione con radiofrequenza

(Reuters Health) – Secondo una nuova ricerca, l’ablazione con radiofrequenza (RFA) per il trattamento palliativo dei pazienti il cui tumore si è diffuso alle ossa fornisce una rapida e duratura riduzione del dolore e migliora la qualità della vita.

I trattamenti con radiazioni sono comunemente usati per le metastasi ossee, ma il sollievo dal dolore può avvenire dopo “settimane e in questa popolazione sottoposta a cure palliative ciò può rappresentare una parte significativa della vita che resta a questi pazienti”, dice l’autore principale dello studio, Jason R. Levy del Northside Hospital di Atlanta, in occasione della presentazione meeting scientifico annuale della Society of Interventional Radiology, dove saranno illustrati i risultati del lavoro.

“L’RFA utilizza onde a radiofrequenza per generare calore, che uccide le cellule tumorali e distrugge alcune delle fibre nervose; entrambi gli elementi riducono o arrestano la trasmissione del dolore e dei segnali di dolore al cervello”, spiega il clinico.

Nello studio prospettico condotto in Europa, Stati Uniti e Canada, 206 pazienti sono stati sottoposti a RFA palliativa per lesioni ossee metastatiche dolorose, seguita da un’iniezione di cemento stabilizzare l’osso.
I tipi più comuni di tumore per i quali veniva erogata l’ablazione con radiofrequenza erano il carcinoma mammario, il tumore al polmone e il tumore ai reni.

La maggior parte dei pazienti è stata sottoposta a RFA per trattare lesioni metastatiche riguardanti la zona lombare o toracica della colonna vertebrale; alcuni soggetti sono stati trattati per lesioni metastatiche localizzate nella cresta iliaca, nel periacetabolo, nel sacro o in sedi miste vertebrali e pelviche.

I pazienti sono stati valutati già tre giorni dopo la RFA e, in modo intermittente, nel corso di un anno. usando misure standard per il dolore e la qualità della vita. La RFA si è dimostrata sicura e ha condotto a miglioramenti significativi del dolore (peggior dolore e dolore medio) a tutte le visite e già tre giorni dopo l’intervento. “Ovviamente, ciò è molto significativo se si considera che lo standard di cura attuale, le radiazioni, impiegano da quattro a sei settimane”, spiega Levy.

Il sollievo dal dolore è stato anche duraturo, con l’83% dei pazienti che ha riferito un miglioramento clinicamente significativo 12 mesi dopo la RFA. La riduzione del dolore si è accompagnata a miglioramenti significativi della qualità della vita. “Questo trattamento è un’opzione per un ampio range di pazienti oncologici e ritengo che dovrebbe essere disponibile prima nel loro percorso terapeutico”, conclude Levy.
che “i pazienti oncologici vivono più a lungo, quindi il numero e la prevalenza di metastasi ossee è in aumento”.

 

Fonte: Meeting scientifico annuale della Society of Interventional Radiology (SIR), 20-26 marzo 2021
Megan Brooks
(Versione Italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)

Post correlati

Lascia un commento

*