Intelligenza: scoperti altri 40 geni associati

Un nuovo studio coordinato dalla Vrije Universiteit di Amsterdam e pubblicato su Nature Genetics parla chiaro: altri 40 geni si aggiungono alla lista di quelli già noti per avere un ruolo nell’intelligenza. Sono ‘accesi’ per lo più nel cervello e sono spesso correlati anche ad altri caratteri, come la depressione, l’obesità e la schizofrenia.

Lo studio ha esaminato quasi 60.000 adulti e 20.000 bambini di origine europea, ottenendo il quadro più ampio mai realizzato finora sui geni che ‘forgiano’ il quoziente intellettivo, ovviamente insieme alle esperienze e al contesto in cui la persona vive. “Questi risultati sono molto interessanti, perché i geni che abbiamo identificato mostrano una forte associazione con l’intelligenza”, commenta la coordinatrice dello studio, Danielle Posthuma.

“Sono coinvolti nella regolazione dello sviluppo della cellula – precisa la genetista – e sono importanti nello specifico per il differenziamento dei neuroni, la formazione delle loro connessioni e per l’indirizzamento dei loro prolungamenti chiamati assoni. Questa scoperta fornisce per la prima volta chiare indicazioni riguardo ai meccanismi biologici che stanno alla base dell’intelligenza”.

I geni del quoziente intellettivo sembrano essere strettamente correlati con altri che influiscono sul conseguimento dei titoli di studio, mentre sono legati in maniera un po’ meno evidente a quelli associati alla cessazione da fumo, al volume del cranio, alla circonferenza della testa nell’infanzia, ai disturbi dello spettro autistico e all’altezza. Pare invece che agiscano con effetto contrario su Alzheimer, depressione, schizofrenia, indice di massa corporea e circonferenza vita.

Messi tutti insieme, i geni dell’intelligenza trovati finora “spiegano il 5% della variabilità” che si osserva fra persona e persona. “Sebbene si tratti di una fetta importante – ricorda Posthuma – c’è ancora molta strada da fare: dato che l’intelligenza è un tratto fortemente ereditario, è probabile che abbiano un ruolo importante anche molti altri geni: questo potrà essere verificato solo con studi più ampi”.

Post correlati

Lascia un commento

*