Al via Research to Care, bando per valorizzare la ricerca. Focus di quest’anno è il tumore del polmone

Torna Research to Care, il progetto promosso da Sanofi con lo scopo di valorizzare la ricerca e l’innovazione italiane. Giunto alla sua terza edizione, il bando mira a sostenere quest’anno la ricerca indipendente traslazionale, preclinica e di trasformazione digitale nel campo del tumore del polmone non a piccole cellule attraverso un premio dal valore di 100.000 euro per un progetto vincitore che sarà identificato da una giuria indipendente.

Possono candidarsi Università, Ospedali, IRCCS, o altri enti di ricerca, pubblici o privati, con sede nel territorio italiano.

Con questo progetto, Sanofi vuole dare un contributo concreto alla ricerca in Italia. Nonostante sia ai primi posti in Europa per produzione farmaceutica, il nostro Paese è ancora lontano dall’obiettivo di investire in ricerca il 3% del PIL: la ricerca scientifica in Italia si ferma all’1,43%, con solo lo 0,5% di investimento pubblico.

“Consapevoli delle difficoltà che la ricerca indipendente spesso incontra nel nostro Paese, anche progetti come questo possono dare un contributo a sostegno dell’impegno e della competenza dei ricercatori italiani – commenta Silvia Novello, Professore di Oncologia Medica, Università degli Studi di Torino, Responsabile di Oncologia Polmonare, AOU San Luigi Gonzaga, Orbassano, Torino – Ricerca è sinonimo di speranza: mi fa piacere essere a capo della Giuria che premierà il progetto che più di tutti dimostrerà di poter trasformare l’innovazione scientifica in terapie che migliorino la qualità di vita delle persone che stanno affrontando un tumore del polmone non a piccole cellule e di chi se ne prende cura”.

Alla prevenzione del tumore al polmone è dedicato il mese di novembre. Questa patologia rappresenta in Italia seconda neoplasia più frequente negli uomini dopo il tumore alla prostata, e la terza più comune nelle donne dopo il tumore al seno e al colon-retto. Dei circa 41.000 nuovi casi stimati in Italia nel 2020, l’80-90% riguarda proprio il tumore del polmone a non a piccole cellule, oggetto del bando Research to Care.

“Nei nostri 50 anni di storia abbiamo alle spalle molte scoperte scientifiche al servizio dei pazienti. Nel campo dell’oncologia, siamo impegnati per lo sviluppo di nuove generazioni di farmaci antitumorali – sottolinea Mariangela Amoroso, Country Medical Lead & Medical Head Specialty Care di Sanofi Italia – I nostri team di ricerca possono contare su una profonda esperienza nell’immuno-oncologia e nell’oncologia molecolare e sono focalizzati in modo particolare sui tumori più difficili da trattare. Siamo consapevoli, però, che quella contro i tumori è una lotta che non si può affrontare da soli. Oltre ad avvalerci di collaborazioni esterne e di tecnologie innovative, siamo felici di poter dare, da diversi anni, attraverso il nostro bando Research to Care, un nostro contributo a sostegno della ricerca indipendente in Italia. Un’eccellenza riconosciuta a livello mondiale che deve riempire d’orgoglio tutti noi”.

Il bando Research to Care si focalizzerà in particolar modo sulla ricerca preclinica con riferimento all’identificazione di fattori predittivi e nuovi target o biomarcatori, sulla ricerca traslazionale su meccanismi di resistenza all’immunoterapia e di ottimizzazione delle sequenze di trattamento, e sull’innovazione digitale a supporto della gestione del paziente con tumore al polmone.

Le candidature, aperte dai primi giorni di novembre, possono essere presentate – complete di tutte le informazioni richieste – entro il 14 febbraio 2023.  Tutti i dettagli del bando sono disponibili al sito www.researchtocare.it. I progetti vincitori saranno comunicati nel mese di giugno 2023.

 

 

Post correlati

Lascia un commento

*



SICS Srl | Partita IVA: 07639150965

Sede legale: Via Giacomo Peroni, 400 - 00131 Roma
Sede operativa: Via della Stelletta, 23 - 00186 Roma

Popular Science Italia © 2022