Home » Medicina » Tumore del seno: anche i batteri del tessuto mammario influiscono

Tumore del seno: anche i batteri del tessuto mammario influiscono

Anche i batteri del tessuto mammario possono influire sull’insorgenza del tumore del seno. A suggerire la correlazione è uno studio collaborativo tra la Fondazione Policlinico Universitario A. Gemelli IRCCS, Università Cattolica e l’Università della Tuscia, pubblicato su Scientific Reports, coordinato da Riccardo Masetti, Direttore del Centro di Senologia del Gemelli e da Nicolò Merendino, della Tuscia, con la collaborazione di Lara Costantini (Tuscia) e Stefano Magno (Gemelli). Lo studio potrebbe portare a nuovi test per stimare il rischio individuale di ammalarsi.

Lo studio
Nel lavoro sono state arruolate 16 pazienti con tumore in trattamento al Gemelli e sono state raccolti 38 campioni sia di tessuto sano sia tumorale, successivamente analizzati e confrontati tra di loro dai ricercatori della Tuscia. I risultati sembrano avallare l’ipotesi che un particolare microbiota ghiandolare potrebbe predisporre al tumore.

Per quanto molto preliminare, lo studio si inserisce in un nuovo filone di ricerca in ambito oncologico battezzato “oncobiotica”. L’idea emergente è che la “disbiosi” (alterata composizione delle varie popolazioni batteriche intestinali) possa condizionare non soltanto l’infiammazione locale, ma anche quella di altri distretti corporei (mammella compresa), attraverso l’iperattivazione del sistema immunitario; inoltre l’idea è che vi sia un collegamento tra microbiota intestinale e quello della ghiandola mammaria, il che spiegherebbe anche perché gli stili di vita (ad esempio la dieta) sono un fattore chiave nel rischio di cancro del seno.

“Infatti, l’ipotesi su cui stiamo lavorando – sottolinea Masetti – è che, attraverso stili di vita corretti (sana alimentazione, attività fisica, uso corretto di antibiotici e altri farmaci, eventuale integrazione mirata di probiotici) sia possibile favorire il riequilibrio del microbiota con conseguente riduzione del rischio di trasformazione tumorale, prevenendo così almeno un 30-40% dei casi di cancro del seno”.

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento

*