Home » Medicina » Sindrome delle gambe senza riposo, autolesionismo e rischio suicidio

Sindrome delle gambe senza riposo, autolesionismo e rischio suicidio

(Reuters Health) – Soffrire della sindrome delle gambe senza riposo potrebbe aumentare il rischio di episodi di autolesionismo e pensieri suicidari. È quanto suggerisce uno studio basato sulle dichiarazioni delle assicurazioni statunitensi, che è stato pubblicato da JAMA Network Open 2019

La sindrome delle gambe senza riposo (Rls) – un irresistibile impulso a muovere le gambe che si verifica anche mentre una persona dorme – pure essendo discretamente diffusa, Non è ancora ben compresa. Tra i 169.000 pazienti sani inclusi nell’analisi, circa 24.000 avevano ricevuto una diagnosi di sindrome delle gambe senza riposo. Nel corso di un follow-up di sei anni, quelli con questa patologia hanno avuto una probabilità due volte e mezza superiore a chi non ne soffriva di farsi del male o sperimentare pensieri o tentativi di suicidio.

“La sindrome delle gambe senza riposo è uno dei disturbi del sonno e dei disturbi del movimento più comuni, che colpisce circa il 5% degli adulti negli Stati Uniti”, ha ricordato l’autore principale dello studio, Xiang Gao del Pennsylvania State University College of Medicine.

Lo studio
Con l’aumento dei tassi di suicidio negli Stati Uniti, Gao e colleghi hanno voluto indagare i collegamenti tra sindrome delle gambe senza riposo e rischio di suicidio.

Hanno analizzato i dati nazionali relativi alle indicazioni sulla salute dal 2006 al 2014 per gli adulti iscritti ai piani assicurativi commerciali, medici e dentistici statunitensi.

Insieme a 24.000 persone con diagnosi di Rls, hanno incluso 145.000 persone con caratteristiche simili ma senza Rls. Tutti i 169.000 individui non avevano una storia di malattie cardiache, cancro, autolesionismo o pensieri suicidi all’inizio dello studio.

I ricercatori hanno scoperto che le persone con sindrome delle gambe senza riposo avevano maggiori probabilità di ricevere una diagnosi di depressione e di usare medicinali antidepressivi. Le persone con questa patologia avevano anche maggiori probabilità di vivere in una zona rurale, consumare alcolici, avere una malattia polmonare ostruttiva cronica e riferire altre condizioni croniche come diabete, ipertensione, apnea notturna, insonnia, malattie renali e disturbi neurologici.

Durante lo studio si sono verificati 119 casi di suicidio e autolesionismo durante lo studio. Dopo che i ricercatori hanno tenuto conto di altri fattori che potrebbero influenzare questi comportamenti, tra cui l’abuso di alcol, l’obesità, la depressione, l’insonnia e il diabete, hanno scoperto che le persone con Rls avevano una probabilità più alta di 2,66 di farsi del male rispetto a chi non era affetto dalla sindrome.

Quando i ricercatori hanno escluso le persone con depressione, insonnia, apnea ostruttiva del sonno e uso di farmaci cronici dai loro calcoli, l’associazione tra Rls e suicidio o autolesionismo non solo si è confermata, ma è cresciuta fino a un rischio più che quadruplo. “Questo suggerisce che la sindrome delle gambe senza risposo, di per sé, potrebbe essere un fattore di rischio per suicidio o autolesionismo, indipendentemente dalla depressione e dai disturbi del sonno che sono comunemente osservati tra questi pazienti”, afferma Gao.

Fonte: JAMA Netw Open 2019
Carolyn Crist
(Versione italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento

*