“Sindrome del cuore infranto” in aumento tra le donne

(Reuters Health) – La cardiomiopatia di Takotsubo, un raro disturbo noto anche come ‘sindrome del cuore infranto’, sta diventando più comune tra le donne di mezza età e più anziane, un trend segnalato già da prima della pandemia di COVID-19.

A riferirlo è un gruppo di ricercatori californiani guidati da Susan Cheng, del Cedars-Sinai Smidt Heart Institute di Los Angeles. I risultati dell’indagine sono stati pubblicati dal Journal of the American Heart Association.

I ricercatori hanno analizzato le tendenze, in base al sesso, dell’incidenza della sindrome negli USA tra il 2006 e il 2017. Dai dati del National Inpatient Sample (NIS), Cheng e colleghi hanno identificato più di 135mila casi di sindrome di Takotsubo nel periodo in studio. Hanno stimato che l’incidenza annuale della sindrome è aumentata stabilmente sia tra gli uomini che tra le donne, ma le donne hanno fatto registrare un maggior numero di casi, l’88%, in particolare quelle di età pari o superiore a 50 anni.

“Abbiamo osservato un aumento significativamente maggiore dell’incidenza della sindrome di Takotsubo tra le donne di mezza età, 128 casi per milione l’anno, e più anziane, 96 casi per milione l’anno, rispetto alle donne più giovani, con 15 casi per milione l’anno (p <0,001)”, dichiarano Cheng e colleghi.

Anche l’aumento dell’incidenza della sindrome tra gli uomini di mezza età è stato significativo rispetto ai più giovani, 20 casi per milione l’anno contro 10 (p <0,001), ma non significativo per gli uomini più anziani (16 casi per milione l’anno). “Probabilmente c’è un punto critico, appena oltre la mezza età, in cui una risposta eccessiva allo stress può avere un impatto sul cuore”, spiega Cheng.

La sindrome di Takotsubo è spesso innescata da stress o da una perdita e può portare a lesioni cardiache a lungo termine e compromissione della funzionalità del cuore. “Sebbene la pandemia globale di COVID-19 abbia posto molti fattori di stress per le donne, la nostra ricerca suggerisce che l’aumento delle diagnosi di Takotsubo era già in atto prima ”, continua Cheng,“Questo studio convalida il ruolo vitale che la connessione cuore-cervello svolge nella salute in generale, in particolare per le donne”.

Fonte: Journal of American Heart Association
Reuters Staff
(Versione italiana Quotidiano Sanità/PopularScience)

Post correlati

Lascia un commento

*