Home » Ambiente » Scoperto sotto i ghiacci un cratere di 300 metri in Antartide

Scoperto sotto i ghiacci un cratere di 300 metri in Antartide

Un cratere profondo 300 metri sotto i ghiacci Antartici. A scoprirlo il lavoro congiunto di Agenzia Spaziale Italiana (Asi), Nasa e agenzia spaziale tedesca Dlr. A individuare il cratere gli occhi dei satelliti della costellazione Cosmo-SkyMed, dell’Asi e i satelliti radar TanDEM-X/TerraSAR-X della Dlr. Pubblicato sulla rivista Science, il risultato è frutto della ricerca coordinata degli italiani Pietro Milillo, Jet Propulsion Laboratory (Jpl) della Nasa e Paola Rizzoli della Dlr.

Il cratere
La cavità è stata scoperta sotto il ghiacciaio Thwaites, il più importante dell’Antartide occidentale, grazie al programma di ricognizioni aeree IceBridge, gestito dalla Nasa, sia sulla base dei dati ricevuti dai satelliti radar ad apertura sintetica in orbita, come quelli del programma gestito dall’Agenzia Spaziale Italiana (Asi), utilizzati – rende noto l’Asi – nell’ambito di un accordo con il Jpl.

Il cratere è il risultato del progressivo scioglimento del ghiacciaio Thwaites, che si ritiene finora abbia perso 14 miliardi di tonnellate di ghiaccio. I ricercatori si aspettavano di trovare alcune cavità tra il ghiaccio e il substrato roccioso sul fondo di Thwaites, dove l’acqua dell’oceano entrando dal basso stava sciogliendo il ghiacciaio. Nessuno si aspettava, però, di trovare un’unica cavità e dalle dimensioni enormi. Anche il ritmo dello scioglimento dei ghiacci è risultato essere il più alto finora registrato nella storia dei rilievi fatti in Antartide.

“La dimensione di una cavità sotto un ghiacciaio svolge un ruolo importante nei processi di assottigliamento”, osserva Milillo: “più calore e acqua si infiltrano sotto il ghiacciaio, più questo si scioglie velocemente”. Le immagini radar, prosegue, indicano che “sul lato orientale del ghiacciaio, la ritirata della massa a terra procede attraverso piccoli canali, con larghezze dell’ordine di un chilometro, come delle dita che arrivano sotto il ghiacciaio per fonderlo dal basso”. I satelliti italiani hanno permesso di misurare il tasso di arretramento della linea di confine tra il ghiaccio ancorato e quello galleggiante.

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento

*