Home » Medicina » Sclerosi multipla: Vescovi, l’unica speranza è la ricerca

Sclerosi multipla: Vescovi, l’unica speranza è la ricerca

sclerosi multipla“Per la Sclerosi Multipla, come per la stragrande maggioranza delle malattie neurodegenerative non esistono terapie risolutive. L’unica speranza è la ricerca”. Queste le parole del genetista Angelo Luigi Vescovi, direttore scientifico di Revert Onlus, in occasione della Giornata Mondiale della Sclerosi Multipla, che ricorda anche come in Italia ogni tre ora venga diagnosticato un nuovo caso.

“Dal 2003, anno della sua fondazione, Revert Onlus finanzia, promuove e incentiva la ricerca sulle cellule staminali cerebrali e conduce la sperimentazione clinica sull’uomo per trovare una cura alle malattie neurodegenerative. A Dicembre 2015 – sottolinea Vescovi – è stata depositata presso l’Agenzia italiana del farmaco e Comitati Etici la richiesta di poter procedere con una sperimentazione clinica di Fase 1 mirata allo
sviluppo di una terapia cellulare per la sclerosi multipla secondaria progressiva”.

Si tratterà di una sperimentazione multicentrica internazionale, spiega l’esperto, ”che vede il coinvolgimento di centri di competenza in tutta Italia ed in Svizzera ed è coordinato dal nuovo centro di medicina rigenerativa dell’IRCCS Casa Sollievo Della Sofferenza di San
Giovanni Rotondo”. Sostenere dunque la ricerca, conclude Vescovi, per ”trovare una cura alle malattie neurodegenerative e restituire così la speranza di guarigione alle persone malate che affrontano malattie progressive e invalidanti”.

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

1 Responses to "Sclerosi multipla: Vescovi, l’unica speranza è la ricerca"

  1. Buongiorno,
    nell’anno 2002, in attesa della mia prima figlia, mi sono accorta di avere problemi nella deambulazione e, nel 2004, mi sono poi sottoposta, dopo la nascita, ad una visita neurologica e mi hanno diagnosticato la S.M..Attualmente son sempre più convinta di volermi sottoporre ad un trapianto di cellule staminali affinchè non si aggravi il mio stato di salute.So che il Prof. Uccelli di Genova effetta questo tipo di intervento e voglio sbrigarmi ad effettuarlo.Mi può aiutare, cortesemente?Grazie per un positivo riscontro e, con l’occasione, porgo i miei più distinti saluti. M.T.

Lascia un commento

*