Sclerosi multipla, meno recidive post-partum durante l’allattamento

(Reuters Health) – Secondo una recente revisione degli studi, l’allattamento al seno sembra proteggere dalle ricadute della Sclerosi Multipla post-partum.

“L’allattamento al seno non sembra essere dannoso e potrebbe essere addirittura protettivo contro le recidive della Sclerosi Multipla– dice Kristen M. Krysko dell’Università della California a San Francisco, principale autrice della revisione – Le donne con questa patologia dovrebbero quindi essere incoraggiate ad allattare esclusivamente quando possibile”.

I tassi di recidiva della Sclerosi Multipla aumentano nei tre mesi successivi al parto di una donna e in quel periodo fino al 30% delle donne ha una ricaduta.

Una meta-analisi del 2012 ha suggerito che le donne che non allattavano al seno avevano maggiori probabilità di avere una ricaduta post-partum rispetto a quelle che lo facevano, ma l’associazione era poco chiara.

La nuova revisione degli studi
Nella loro revisione sistematica e meta-analisi di 24 studi (di cui 11 pubblicati dopo il 2012) che ha coinvolto circa 3.000 donne, il team di Krysko ha cercato di determinare se l’allattamento al seno sia associato o meno a una riduzione delle recidive post-partum della Sclerosi Multipla.

La definizione di allattamento al seno variava da uno studio all’altro e tutti gli studi sono stati valutati con un rischio moderato o grave di bias, come hanno riportato i ricercatori in JAMA Neurology.

In 15 studi, le probabilità aggregate di recidiva di Sclerosi Multipla dopo il parto erano inferiori del 37% nelle donne in allattamento (P = 0,006). Allo stesso modo, in quattro studi che riportavsno rapporti di rischio adeguati, il rischio di recidiva post-partum della patologia era inferiore del 43% con l’allattamento al seno (P = 0,006).

Gli apparenti effetti protettivi dell’allattamento al seno sono stati più robusti negli studi sull’allattamento esclusivo per due mesi e i supposti benefici sono sembrati persistere per sei mesi dopo il parto.

“Dal momento che tutti gli studi inclusi sono di tipo osservazionale, è possibile che le donne con attività di malattia inferiore fossero quelle che hanno scelto di allattare – osserva Krysko – Tuttavia, anche quando si limitano a studi di qualità superiore con aggiustamento per gli aspetti che possono generare confusione, è stato osservato un vantaggio”.

“Sono necessari ulteriori studi su questo – ha concluso Krysko – La pianificazione del trattamento post-partum per la sclerosi multipla dovrebbe essere personalizzata e frutto della discussione tra la donna e il suo neurologo”.

Fonte: JAMA Neurology

Will Boggs
(Versione italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)

Post correlati

Lascia un commento

*