Home » Medicina » Scarsa qualità del sonno e markers infiammatori: un “legame” in rosa

Scarsa qualità del sonno e markers infiammatori: un “legame” in rosa

(Reuters Health) – Le donne di mezza età che hanno una scarsa qualità del sonno, in particolare hanno difficoltà ad addormentarsi o un sonno interrotto, avrebbero elevati livelli di mediatori dell’infiammazione, come l’interleuchina-6, e dell’antigene del fattore di von Willebrand, legato alla coagulazione del sangue. Mediatori che potrebbero determinare un aumento del rischio di malattie cardiache, secondo quanto evidenziato dai ricercatori che hanno guidato la ricerca, coordinata da Sara Nowakowski dell’University of Texas Medical Branchdi Galveston, e pubblicata su Sleep.

Lo studio
I ricercatori hanno preso in considerazione 295 donne di età media di 54 anni, la gran parte delle quali in menopausa, e hanno monitorato il loro sonno, attraverso un questionario ad hoc, oltre a eseguire analisi del sangue per evidenziare i markers dell’infiammazione e a tenerle sotto monitoraggio delle vampate di calore e del sonno per tre giorni. Le donne sono state anche invitate a tenere dei diari del sonno.

I risultati
I ricercatori americani hanno così scoperto che il 75% delle partecipanti dormiva meno di sette ore e la metà dormiva circa sei ore a notte. La metà del campione, inoltre, si svegliava durante la notte per un totale di 41 minuti o più, indicando un sonno interrotto. Le donne che avevano più difficoltà ad avere un sonno continuativo avevano livelli più elevati nel sangue del fattore di von Willebrand, mentre quelle che avevano problemi ad addormentarsi avevano livelli più elevati di fattore di von Willebrand e di interleuchina-6. La proteina-C, infine, non sarebbe stata associata a problemi del sonno.

I commenti
“Penso proprio che questo studio evidenzi il fatto che i problemi del sonno sono un fattore di rischio per la salute, proprio come accade con una dieta sbagliata e la mancanza di attività fisica” ha dichiarato Nowakowski. “L’associazione tra problemi del sonno e rischio cardiovascolare rimane comunque relativamente bassa, quindi non c’è motivo di allarmarsi, anche se dovrebbe essere condotta una ricerca più specifica”, ha spiegato Noel Bairey Merz, del Barbra Streisand Women’s Heart Centerdi Los Angeles, più che altro per capire “se è l’infiammazione a portare a problemi di sonno o il contrario”.

Fonte: Sleep
di Cheryl Platzman Weinstock

(Versione italiana Quotidiano Sanità/ Popular Science)

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento

*