Home » Medicina » Rischio cuore: il peso fa la sua parte ma l’esercizio conta di più

Rischio cuore: il peso fa la sua parte ma l’esercizio conta di più

Reuters Health – I benefici dell’attività fisica possono superare l’impatto negativo dell’obesità sulla malattia cardiovascolare, specialmente nelle persone anziane. Lo dice uno studio pubblicato sul Journal of Preventive Cardiology, su oltre 5 mila pazienti over 55, in un follow-up di 15 anni che ha osservato come il movimento praticato con costanza porti ad una diminuzione del rischio CV, tale da essere comparabile a quello di un normopeso.

Lo studio
Lo studio ha incluso 5.344 soggetti di età compresa tra i 55 e i 97 anni di età (70 anni in media) che hanno partecipato al Rotterdam Study e non presentavano malattie cardiovascolari al basale. Durante l’arruolamento tra il 1997 e il 2001 sono state raccolte informazioni sullo stile di vita del paziente (fumo, consumo di alcool e sigarette, dieta ), sul BMI e anche su istruzione e storia familiare di infarto precoce. I partecipanti sono stati classificati in base al BMI in soggetti di peso normale (18,5-24,9 kg/m2), sovrappeso (25-29,9 kg/m2) e obesi (>30 kg/m2), e in base all’attività fisica praticata (bassa/elevata). Il gruppo è stato seguito tra il 1997 e il 2012 per eventi cardiovascolari (infarto e ictus).

I risultati
Durante i 15 anni di follow-up il 16% dei partecipanti ha avuto un evento cardiovascolare. Tuttavia, analizzando l’effetto congiunto di attività fisica e indice di massa corporea, i ricercatori hanno osservato che rispetto alle persone normopeso che praticavano molta attività fisica, i soggetti in sovrappeso o obesi che a loro volta praticavano abitualmente sport o comunque fitness, non presentavano un aumentato rischio di malattie CV. Tuttavia, le persone sovrappeso o obese con una vita sedentaria avevano rispettivamente 1,33 e 1,35 volte un rischio più elevato di sviluppare malattie CV.

I commenti
“Nella popolazione generale abbiamo riscontrato che l’attività fisica è protettiva per il rischio cardiovascolare e i partecipanti in sovrappeso e obesi non avevano aumentato rischio CV rispetto a quelli di peso normale”, commenta Dhana. Il sovrappeso e l’obesità esercitano gli effetti nocivi attraverso il tessuto adiposo che accelera il processo aterosclerotico e aumenta il rischio cardiovascolare. L’attività fisica riduce gli effetti dannosi dell’aterosclerosi riducendo la stabilizzazione delle placche nei vasi sanguigni e la richiesta di ossigeno da parte del cuore. «Le persone che fanno molta attività fisica sono protette dagli effetti nocivi del tessuto adiposo sulle malattie CV – ha sottolineato Dhana – questo può essere il motivo per cui abbiamo scoperto che l’impatto positivo dell’attività fisica sulle malattie cardiovascolari supera l’impatto negativo del BMI». Le linee guida europee raccomandano 150 minuti a settimana di attività fisica di intensità moderata per ridurre il rischio di malattie cardiovascolari.

Journal of Preventive Cardiology
(Versione italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento

*