Pusceddu (Sobi): Il dolore, nell’emofilia, può essere evitato