Home » Medicina » Psicologia: livelli elevati di piombo nel sangue riducono il quoziente intellettivo

Psicologia: livelli elevati di piombo nel sangue riducono il quoziente intellettivo

(Reuters Health)Chi da bambino è stato esposto ad elevati livelli di piombo, in età adulta potrebbe avere un QI più basso rispetto alle sue effettive potenzialità.È quanto sostiene uno studio americano pubblicato da JAMA. Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, non c’è alcun livello di esposizione sicuro al piombo e le concentrazioni di questo metallo nel sangue, a partire da 5 ug/dl, possono ridurre il quoziente intellettivo (QI). I partecipanti allo studio più che doppio in media livelli di piombo ematici più che doppi rispetto a quando nel 1980 avevano 11 anni di età: 10.99 ug/dl. Ogni 5 ug/dl di aumento dei livelli di piombo ematico nei primi anni di vita è stato associato ad un QI di 1,61 punti inferiore all’età di 38 anni, così come è stata accertata una riduzione del ragionamento percettivo e della memoria esecutiva. “Queste evidenze suggeriscono quanto meno che le persone non recuperano completamente le lesioni cognitive legate al piombo avvenute durante l’infanzia – dice l’autore della ricerca, Aaron Reuben della Duke University  di Durham in Carolina del Sud – Inoltre lo studio suggerisce che il piombo esercita una riduzione delle capacità cognitive dell’individuo indipendentemente da quando inizia a entrare in contatto con il metallo”.

Lo studio
I ricercatori hanno esaminato i dati delle funzioni cognitive, del QI e dello stato sociale ed economico di 565 adulti residenti a Dunedin, in Nuova Zelanda, quando avevano 38 anni e i risultati degli esami del sangue per il piombo, eseguiti da bambini. Durante l’infanzia le concentrazioni ematiche di piombo variava da 4 a 31 ug/dl. Lo studio non ha evidenziato differenze nell’esposizione al piombo rispetto allo status socio-economico e il piombo è stato trovato sia nei bambini di famglie povere sia in quelli di famiglie benestanti. Gli individui che hanno partecipato allo studio con livelli di piombo ematici superiori a 10 ug/dl avevano in media i punteggi dei test per il QI da adulti di 4,25 punti inferiori rispetto ai coetanei con livelli di piombo ematici più bassi.

I risultati
Lo studio ha messo in evidenza che i livelli di piombo più elevati nell’infanzia erano legati a persone di bassa estrazione sociale. Altre ricerche in passato avevano collegato ogni diminuzione di 1 punto nel QI a un reddito inferiore di 200-600 dollari. La media di 4,25 punti in meno di QI sarebbe legata ad una elevata esposizione al piombo che potrebbe tradursi in una riduzione delle entrate al netto di diverse migliaia di dollari. “Gli effetti del piombo sul QI sono solo la punta di un iceberg – aggiunge David Bellinger ricercatore presso la Harvard T. H. Chan School of Public Health di Boston – Gli effetti negativi di questo metallo vanno ben oltre, includendo defit di attenzione, tra cui l’ADHD, deficit delle funzioni esecutive e diverse forme di patologie sociali, problematiche che possono compromettere il successo sociale di un individuo molto più di quanto non possa fare una modesta riduzione del QI”.

Fonte: JAMA

Lisa Rapaport

(Versione italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento

*