Home » Medicina » Obesità, ipertensione e diabete: se assenti a 45 anni, pochi rischi per il cuore da anziani

Obesità, ipertensione e diabete: se assenti a 45 anni, pochi rischi per il cuore da anziani

(Reuters Health)Le persone che raggiungono la mezza età senza sviluppare ipertensione, diabete o obesità potrebbero avere un minor rischio di insufficienza cardiaca nel corso della vita. A suggerirlo è un recente studio statunitense. Comparati alle persone con tutti e tre i fattori di rischio, gli adulti che non ne avevano nessuno all’età di 45 anni, presentavano il 73% di probabilità in meno di sviluppare insufficienza cardiaca negli anni a venire. E quando le persone hanno raggiunto i 55 anni senza uno qualsiasi di questi fattori di rischio, le probabilità in meno di sviluppare un problema di cuore sono salite all’83%. “Prevenire l’insorgenza di ipertensione, diabete e obesità abbassa notevolmente il rischio che una persona possa soffrire di insufficienza cardiaca e aumenta l’aspettativa di vita in buona salute – dice l’autore senior dello studio, John Wilkins della Northwestern University Feinberg School of Medicine di Chicago – I vantaggi della prevenzione nell’insorgenza dei fattori di rischio superano di gran lunga i benefici conseguenti al trattamento dei fattori di rischio dopo che si sono manifestati”.

Lo studio
Negli Stati Uniti circa 5,7 milioni di adulti soffrono di insufficienza cardiaca. Queste persone devono affrontare una significativa riduzione della qualità della vita e tassi di mortalità più elevati. L’ipertensione, il diabete e l’obesità sono fattori di rischio con forte prevalenza ma possono essere prevenuti insieme all’insufficienza cardiaca. Esaminando i dati di decine di migliaia di uomini e donne americani, i ricercatori hanno trovato che il 53% di questi non ha avuto il diabete, l’ipertensione e l’obesità a 45 anni e che meno dell’1% a quell’età presentava tutti e tre i fattori di rischio. A 55 anni circa il 44% ancora non aveva i tre fattori di rischio e solo il 2,6% li aveva.Sono stati identificati 1.677 casi di insufficienza cardiaca dopo i 45 anni e 2.976 dopo i 55 anni.I soggetti che a 45 e a 55 anni non presentava i tre fattori di rischio avevano meno probabilità di ammalarsi di insufficienza cardiaca nell’età avanzata e questo era vero per tutti i partecipanti. I 45 enni senza i tre fattori di rischio hanno vissuto in media 10,6 anni in più liberi da problemi cardiaci rispetto agli uomini che avevano i tre fattori di rischio, mente le donne 45 enni senza i tre fattori di rischio hanno vissuto un media di 14,9 anni più a lungo senza scompenso cardiaco. Le persone senza diabete nella mezza età hanno vissuto una media di 8,6 e 10,6 anni in più senza insufficienza cardiaca rispetto a chi aveva il diabete.

Le evidenze
Nonostante i limiti, lo studio aggiunge prove robuste che collegano diabete, ipertensione obesità a un rischio elevato di sviluppare insufficienza cardiaca. “Tutte e tre le condizoni cliniche sono fattori di rischio per malattia coronarica e le persone che ne soffrono sono predisposte a sviluppare un’insufficienza cardiaca – osserva Mary Norine Walsh, direttore medico del reparto di scompenso cardiaco e trapianto di cuore del St. Vincent Heart Center di Indianapolis – Mantenere il peso corporeo sotto controllo è un fatto che paga più avanti nella vita, e il monitoraggio della pressione sanguigna e della glicemia attraverso il medico curante sono fondamentali. Evitare queste tre patologie può aggiungere anni alla nostra vita”.

Fonte:  Journal of American College of Cardiology

Lisa Rapaport

(Versione italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento


*