Home » Astronomia » Luna: è in orbita il primo veicolo privato

Luna: è in orbita il primo veicolo privato

Beresheet è in orbita lunare. La sonda costruita dalla società privata israeliana SpaceIL, il cui nome significa “in principio”, si prepara a posarsi al suolo il prossimo 11 aprile. A 50 anni dallo sbarco sulla Luna, si apre così uno scenario tutto nuovo dell’esplorazione spaziale a cui l’Italia ha già contribuito con la realizzazione di alcune parti della sonda stessa.

La sonda
Lanciato il 22 febbraio da Cape Canaveral, da allora il veicolo ha percorso orbite ellittiche intorno alla Terra, accendendo più volte il suo motore principale in modo da trovarsi nella posizione ottimale per essere catturato dalla forza di gravità della Luna. E’ stata una manovra delicata, andata a buon fine e accolta con un lunghissimo applauso dal centro di controllo a Terra. Immediatamente l’entusiasmo è esploso anche sui social media a salutare questa prima assoluta.

“E’ stata una manovra semplice, ma molto importante e critica”, ha osservato l’amministratore delegato della SpaceIL, Ido Anteby. Finora erano arrivati nell’orbita lunare soltanto missioni sostenute dalle agenzia spaziali di Stati Uniti, Russia e Cina, seguiti da Giappone, Europa e India. Beresheet è stato invece costruito in Israele dalla SpaceIL, un’organizzazione no-profit che ha raccolto 100 milioni di dollari grazie a imprenditori, istituti di ricerca, Industrie Aerospaziali Israeliane (Iai) e Agenzia Spaziale Israeliana (Isa). Hanno partecipato anche la Swedish Space Corporation e la Nasa, che contribuisce con le tecnologie per la comunicazione.

Il ruolo dell’Italia
Il gruppo Leonardo ha realizzato a Nerviano (Milano) i pannelli solari che permettono al veicolo di essere operativo a diverse inclinazioni rispetto alla luce solare, continuando a trasmettere a Terra immagini e video ad alta risoluzione, come aveva fatto il 6 marzo, quando ha inviato il suo primo selfie.

L’atterraggio
Alto circa un metro, largo 2,3 e pesante 585 chilogrammi, il lander si prepara adesso alla parte finale e più spettacolare della sua missione: posarsi sul suolo lunare il prossimo 11 aprile. La discesa, che dovrebbe durata circa 30 minuti, dovrebbe portarlo ad atterrare nel Mare della Serenità, lo stesso sito nel quale l’11 dicembre 1972 erano arrivata la missione Apollo 17 della Nasa.

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento

*