Home » Medicina » La schizofrenia inverte la percezione tra uomini e donne

La schizofrenia inverte la percezione tra uomini e donne

(Reuters Health) – La capacità di identificare lo stato mentale di una persona e di interpretare le intenzioni degli altri, generalmente distinte sulla base del sesso, si presenterebbero invertite tra i pazienti con schizofrenia. Così, l’identificazione dello stato mentale, normalmente correlata all’intelligenza tra le donne sane, sarebbe correlata agli uomini, tra chi soffre di schizofrenia. A evidenziarlo è una ricerca coordinata da Julie Walsh-Messinger, dell’Università di Dayton, nell’Ohio. I risultati dello studio sono stati pubblicati su Social Neuroscience.

La ricerca
I ricercatori americani hanno testato la cosiddetta ‘theory of mind’ (ToM), la capacità di capire le emozioni delle altre persone e interpretare le loro intenzioni, in 37 individui con schizofrenia e 31 controlli sani, suddivisi per sesso, per valutare le differenze cognitive, indicizzare in base all’intelligenza, e affettive, indicizzate con esercizi olfattivi, che contribuivano alla performance della ToM.
Per la ToM, Walsh-Messinger e colleghi hanno usato il test ‘Reading the Mind in the Eyes ‘(RME), messo a punto valutare la capacità di identificare lo stato mentale di un’altra persona, e lo ‘Strange Stories Task’ (SST), studiato per valutare la capacità di interpretare le intenzioni degli altri, un processo che comporta un ragionamento.

I risultati
Dai risultati è emerso che un’intelligenza superiore si correla meglio con un’identificazione più precisa dello stato mentale tra le femmine sane e nei maschi con schizofrenia, mentre viceversa, una migliore accuratezza nell’identificazione dell’odore era caratteristica dei maschi sani e delle femmine con schizofrenia. Anche la capacità di comprendere le intenzioni delle persone valutata con la SST era invertita tra maschi e femmine, con una correlazione significativa tra le femmine sane e tra i maschi con schizofrenia.

I commenti
“I nostri risultati suggeriscono che le differenze di sesso negli individui sani possono interagire con la patologia correlata alla schizofrenia, per produrre diversi profili di sintomi”, osservaWalsh-Messinger. “I maschi sani sembrano affidarsi a elaborazione limbica per identificare lo stato mentale, e l’interruzione di questo circolo con la schizofrenia può contribuire allo sviluppo di sintomi negativi, che tendono a essere più gravi nei maschi con schizofrenia”.

Fonte: Social Neuroscience
Will Boggs
(Versione italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento

*