Home » Medicina » Ketamina e botulino: effetti antidepressivi?

Ketamina e botulino: effetti antidepressivi?

Secondo un ampio studio condotto dai ricercatori dell’Università della California di San Diego, analizzando una banca dati americana sugli effetti avversi segnalati sui farmaci, Ketamina e botulino potrebbero avere effetti antidepressivi. Lo studio pubblicato su Scientific Reports apre così la strada ad un nuovo filone di ricerche contro una malattia, quale la depressione, considerata ormai il male dei tempi moderni.

In particolare, gli studiosi hanno visto che l’incidenza dei sintomi della depressione, in oltre 41mila persone che prendevano la ketamina come antidolorifico, si dimezzava rispetto ad altri farmaci contro il dolore, e c’erano meno effetti collaterali rispetto a quelli più spesso segnalati con i farmaci oppioidi e antidolorifici. Dopo aver confrontato la ketamina con altri farmaci per il dolore, i ricercatori si sono convinti che alla base di questo suo effetto antidepressivo ci sia un altro fattore ancora non identificato, oltre alla riduzione del dolore.

Anche altri tre farmaci hanno mostrato di avere effetti antidepressivi: il botulino, usato per le rughe e l’emicrania, il diclofenac, un antinfiammatorio, e la minociclina, un antibiotico. Per questi ultimi due medicinali, gli studiosi ipotizzano che l’effetto antidepressivo possa essere dovuto, almeno in parte, alla loro capacità di ridurre l’infiammazione nel corpo, mentre per il botulino il meccanismo di azione è ancora poco chiaro. Per capirlo meglio, i ricercatori vogliono separare l’effetto cosmetico (il vedersi più belli può far sentire meglio emotivamente) da quello antidepressivo, mettendo a confronto i tassi di depressione di chi ricorre a filler e altri trattamenti cosmetici simili.

La ketamina finora non è mai stata testata per sicurezza ed efficacia per la depressione in una vasta sperimentazione clinica, ma è stato segnalato in studi più piccoli che funziona più rapidamente degli antidepressivi standard, oltre ad essere economica. ”Questa ricerca – commenta Ruben Abagyan, uno dei ricercatori – aggiunge dati sul fatto che la ketamina può essere usata per alleviare la depressione, e offre un solido supporto statistico a possibili sperimentazioni su più larga scala”.

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento

*