Home » Medicina » Infarto: terapia con beta-bloccanti meno efficace dopo un anno

Infarto: terapia con beta-bloccanti meno efficace dopo un anno

infarto(Reuters Health) – Prolungare il trattamento con beta-bloccanti per più di un anno dopo l’infarto del miocardio acuto nei pazienti senza insufficienza cardiaca o disfunzione del ventricolo sinistro, non reca benefici. A suggerirlo sono i risultati di un nuovo studio pubblicato dal British Journal of Medicine. “I pazienti che iniziano il trattamento con beta-bloccanti entro 48 ore dal ricovero ospedaliero mostrano una riduzione della mortalità a 30 giorni – ha detto Etienne Puymirat del Hopital Europeen Georges Pompidou di Parigi, autore principale dello studio -, ma bloccare la somministrazione dei farmaci dopo un anno dall’evento acuto non si associa ad un aumento della mortalità a cinque anni. Queste osservazioni suggeriscono un beneficio progressivamente decrescente del trattamento beta-bloccante nel corso del tempo”. La maggior parte dei pazienti con infarto del miocardio comincia a prendere i beta-bloccanti al momento della dimissione dall’ospedale e continua a farlo per anni,. “La maggior parte degli studi sull’uso a lungo termine dei beta-bloccanti sono stati eseguiti molto tempo prima che si diffondessero le tecniche di riperfusione e i farmaci di prevenzione secondaria” ha aggiunto Puymirat.

Lo studio
Per comprendere se l’uso dei beta-bloccanti a lungo termine può ancora essere utile, i ricercatori hanno esaminato i dati dal registro francese riferiti all’infarto del miocardio acuto con sopraslivellamento ST e non-ST (FAST-MI) che, alla fine del 2005, comprendeva 2.679 pazienti. Il 67% dei pazienti con MI senza insufficienza cardiaca ha cominciato a prendere i beta-bloccanti entro 48 ore dal ricovero, l’80% ha ricevuto una prescrizione alla dimissione, e l’89% dei pazienti vivi a un anno erano ancora in trattamento con beta-bloccanti. I pazienti che hanno assunto beta-bloccanti precocemente hanno avuto una mortalità significativamente ridotta a 30 giorni dall’evento. I pazienti a cui sono stati prescritti i beta-bloccanti al momento della dimissione non hanno fatto registrare tassi più bassi di mortalità ad un anno.  Allo stesso modo, non è stata registrata alcuna diminuzione della mortalità a cinque anni tra coloro che hanno continuato a prendere i farmaci per un anno. Invece si è osservata una riduzione della mortalità a cinque anni nel gruppo di pazienti che ha continuato ad assumere statine ad un anno dall’evento, rispetto a quelli che avevano interrotto la terapia. “Questi risultati mettono in discussione l’utilità del trattamento prolungato con beta bloccanti dopo infarto miocardico acuto nei pazienti senza insufficienza cardiaca o disfunzione ventricolare sinistra,” ha concluso Puymirat.

Fonte: BMJ 2016

Reuters Staff

(Versione italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento


*