Il “long COVID” interessa 100 milioni di persone nel mondo

(Reuters) – Basandosi sulla revisione di 40 precedenti studi condotti in 17 Paesi, i ricercatori dell’Università del Michigan stimano che oltre il 40% dei sopravvissuti al COVID-19 in tutto il mondo abbia avuto o abbia effetti persistenti dopo la malattia. La prevalenza aumenta al 57% tra i sopravvissuti che sono stati ricoverati.

Gli studi revisionati hanno esaminato le esperienze dei pazienti con il cosiddetto long COVID, definito così in base alla presenza di sintomi nuovi o persistenti dopo quattro o più settimane dall’infezione.
Il tasso stimato di sintomi post-infezione è risultato pari al 49% in Asia, 44% in Europa e 30% in Nord America.

Tra i sintomi più comuni, l’astenia è stata segnalata dal 23% delle persone, mentre dispnea, dolore articolare e problemi di memoria interessano ognuno il 13% dei soggetti.

“Sulla base della stima dell’OMS di 237 milioni di infezioni da COVID-19 in tutto il mondo, possiamo dire che circa 100 milioni di individui attualmente presentano o hanno presentato conseguenze a lungo termine del COVID-19 sulla salute”, concludo gli autori dello studio.

Fonte: medRxiv
Staff Reuters
(Versione Italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)

 

Post correlati

Lascia un commento

*