Home » Medicina » Il cervello elabora gli stimoli visivi come le sequenze di un film

Il cervello elabora gli stimoli visivi come le sequenze di un film

Il cervello funziona come la pellicola di un film; raccoglie e rielabora gli stimoli visivi a intervalli di tempo, ma alla fine restituisce al soggetto l’impressione di vedere una realtà fluida. A rivelarlo è uno studio condotto da Luca Ronconi e David Melcher del Cimec dell’Università di Trento, incentrato sulla coesistenza di più ritmi nell’attività cerebrale che portano a effetti diversi sulla percezione.

La ricerca, pubblicata su Pnas, può dare un contributo anche alla conoscenza dei disturbi che portano a una visione frammentata. “Lo studio – dicono i ricercatori – mostra la coesistenza di più ritmi nella nostra percezione visiva, e ciò potrebbe spiegare perché non percepiamo la realtà in maniera frammentata e discontinua, come avviene invece in alcuni disturbi psichiatrici come la schizofrenia o indotti da un danno neurologico”.

“Diversi disturbi – aggiungono – sono caratterizzati da deficit di integrazione o segregazione temporale e in futuro queste conoscenze sul funzionamento della percezione saranno potenzialmente utili per implementare training per pazienti con questi disturbi, per modificare le finestre di integrazione temporale anomale”.

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento

*