Home » Biotecnologie » I batteri diventano restauratori

I batteri diventano restauratori

Fotolia_51817491_Subscription_Monthly_MIl biorestauro di opere d’arte fatto con i batteri è una tecnologia tutta italiana messa a punto dall’Enea. Restaurare le opere d’arte utilizzando batteri e funghi invece di prodotti chimici potenzialmente più rischiosi per la salute, viene utilizzata nelle sale del Vaticano e presto anche nei giardini per riportare allo splendore statue e fontane. Con il metodo di pulitura ‘bio-based’, i microrganismi vengono usati per rimuovere depositi di varia natura, come ad esempio smog o colla, da opere d’arte di diversi tipo, dalle tele alle statue in marmo, con indubbi vantaggi di selettività d’intervento, sicurezza per l’opera d’arte, non tossicità per i restauratori, basso costo e ridotto impatto ambientale. “Ad oggi nei laboratori Enea sono stati selezionati ben 500 ceppi fra batteri e funghi – riportano gli esperti – da utilizzare negli interventi di restauro: un vero e proprio esercito di potenziali ‘micro-riparatori’ con i quali è possibile realizzare interventi su misura”.

Per saperne di più vai su Apple Store e Google Play e scaricati il numero 3 di Ottobre 2014 di Popular Science e leggi il nostro servizio Batteri in Vaticano

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento


*